Cerca

Usura Bancaria

A partire da giugno 2011senza alcuna motivazioneBanca Intesa decide di chiudere dall'oggi al domani linee di credito adducendo motivi tecnici e dicendo che le avrebbero sostituite subito. Si trattava di 200.000 €. La nostra azienda aveva un volume d'affari di circa 8.000.000 € ed era affidata tra cassa autoliquidanti e mutui per circa 1.000.000 €. Tutto regolareCR perfetta clienti contenti. Ma noi ci occupiamo di vendita auto da 20 anni è un'azienda famigliare e una botta del genere ci ha messo in ginocchio. Ma abbiamo coperto con tutto quello che avevamo perchè avevamo il terrore di segnalazioni in CR che potessero danneggiarci. Ma Intesa ha continuato alla fine ci ha revocato tutto impedendoci di lavorare ci ha fatto firmare un piano di rientro dove lasciavamo ipoteca volontaria su un nostro immobile personale: ci lavoravamo dal 2011siamo arrivati a firmarlo a novembre del 2012. Le continue segnalazioni mai di sofferenza ma tra l'altro tutte sbagliate in quanto noi siamo in possesso della CR specifica di Banca d'Italiahanno creato un effetto domino e tutte le banche ci hanno chiuso i crediti. Disperati ci siamo rivolti ad un'azienda alla quale abbiamo fatto periziare i ns. conti correnti ed abbiamo scoperto anche di essere stati usurati per centinaia di migliaia di euro ben superiore al nostro debito. La stessa società però si è approfittata della nostra situazione di bisogno facendoci ad ora pagare circa 20.000 € SENZA NEPPURE AVER INIZIATO LA MEDIAZIONE. Nel frattempo senza denaro hanno iniziato ad arrivare le prime cartelle esattoriali le prime cause civili anche denunce penali. E' da settembre del 2011 che i soci non prendono un centesimo e vivono di espedienti pur di tenere in piedi l'impresa. Per di più stiamo lavorando ad un prototipo che è stato già stato giudicato assolutamente innovativo finanziabile dalla Regione Lombardia tramite fondo Seed per la trasformazione ad un costo minimo di autovetture già esistenti in elettriche ad autonomia estesa riducendo emissioni consumi e quant'altro. Eppure io oggi non ce la faccio più. Sto lottando mi sono ammalata sono persino stata ricoverata in reparto psichiatrico per una grave forma di depressione. Ho una figlia di 7 anni che è la mia ultima ancora ma non so fino a quando riuscirò a resistere. Ogni persona di cui mi fido si preoccupa solo di darci grandi speranze e portarci via gli ultimi denari che abbiamo per pagare gli stipendi. Ho il vomito al solo pensiero. Mi scusi Lei è una persona che ho sempre stimato tanto io probabilmente tra poco sarò uno dei tanti imprenditori che non esistono più nè nella realtà nè nella vita. Per colpa delle banche che ci hanno rubato denaro ed ora pretendono di averne indietro il doppio esiste persino una banca che ci sta trattenendo indebitamente valori per circa 350.000 €impedendoci di vendere le nostre vetture ed incassare sistemando situazioni pregresse. Abbiamo usato gli ultimi soldi per denunciarle ma la giustizia italiana è quella che è. Io personalmente ho ricevuto minacce da un cliente verso mia figlia. Non è più vita questa l'unico modo per proteggerla a questo punto è che io non ci sia più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog