Cerca

Letta sconfessa sè stesso

Egregio Direttore, una piccola riflessione su Enrico Letta è doverosa dopo la sua auto sconfessione nelle dichiarazioni rilasciate in sede di elezione del segretario PD. Non mi pare che sia stato dato un giusto rilievo alla sua affermazione in cui manifestava il suo poco gradimento nella formazione del suo governo ma persino poco lusinghiero nei riguardi del Presidente del Consiglio, cioè sé stesso. E’ evidente che si tratta di un artificio retorico per ostentare umiltà che nasconde ben altra realtà: la consapevolezza dei propri mezzi ed una indubbia capacità di mediazione che ha messo in luce la sua autorevolezza ed autorità misurata. Alcune pennellate di gusto e misura comportamentale rivelano una personalità con una cifra culturale di ottimo spessore. La politica può assumere aspetti spietati e non sappiamo quanto possa durare e cosa di concreto possa fare, ma è certo che il caso imprevisto ed imprevedibile ci ha restituito una persona all’apparenza meritevole, sottraendola all’anonimato cui lo avevano relegato i compagni di partito, con cariche rappresentative e poco operative. Mi fa piacere dire queste parole elogiative perché modificano un mio precedente giudizio superficiale, dovuto alla scarsa conoscenza della persona. Antonio Mirabile

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog