Cerca

LETTERA APERTA A

Egr. Dott Mineo, Le scrivo questa lettera aperta per rispondere ad una Sua dichiarazione riportata sul quotidiano “LA STAMPA” del 15/05/2013 precisamente a pag. 9 sesta colonna L'articolo racconta della “parabola del buon funzionario che si reca fino a casa dell'aspirante suicida, sommerso dai troppi debiti, e lo salva”. Ora, dott. Mineo, io non ci credo per nulla alla sua storia, anzi mi indigna la strumentalizzazione che Lei fa di queste vittime e mi fa venire spontanee delle domande, e precisamente: 1) Da questo piccolo imprenditore Lei ha mandato un funzionario per: aiutarlo, per consolarlo o per controllare che la corda fosse ben insaponata? 2) Ammettendo che abbia a cuore queste spiacevoli situazioni cosa pensa di fare, o ha già fatto, per tutti i familiari di coloro che sono morti suicidi a causa della sua Equitalia? 3) Cosa pensa di fare nel prossimo futuro e per tutte quelle situazioni disastrate e disastrose che sempre più sembrano verificarsi? Con l'occasione voglio augurarLe che “Nostro Signore” le illumini la strada e che Le dia la forza e la serenità per sopportare il peso che la sua coscienza dovrà, forse, un giorno, sopportare. Cordialmente Nicola La Rosa

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog