Cerca

S.o.S infermieri

Sono un’infermiera in “esilio” obbligato dalla “malata” sanità laziale. Sono una dei tanti infermieri costretti a lasciare le proprie realtà dove il lavoro per noi, nonostante quello che si, NON C’è! Sono stufa di accendere la Tv o leggere sui giornali che c’è bisogno di infermieri. Forse questo era vero 10 anni fa. Esemplare è la risposta di una delle cooperative che DOVREBBERO darci lavoro: “La torta è grande e le fette sono già tutte prese”. Come siano state prese non si sa, dato che nel presentare domanda di lavoro (sempre in una di queste cooperative) mi è stato chiesto: “Ma a lei chi la manda?”. La mia laurea con 110 e lode e un master in area critica, ecco chi! Siamo stufi che si chiudano gli occhi sulla nostra situazione, che s’ignori il fatto che sulla nostra professionalità lucrino dubbie cooperative, o peggio, dubbie assunzioni nel pubblico… Addirittura infermieri abusivi! È incredibile che si taccia sulla tragedia che vivono i nostri colleghi dell’IDI e di molti altri in varie strutture, o che si indichino concorsi “fantasma” (sappiamo bene il motivo). È ingiusto lucrare sulle nostre aspettative di lavoro. Se si presta attenzione al numero dei partecipanti ai nostri concorsi, si noterà che si sfiorano cifre simili a quelle dei concorsi per entrare in polizia o nei carabinieri, con la differenza che gli infermieri assunti saranno al massimo quattro! Questo sfogo non vuole avere la pretesa di sbloccare chissà quale possibilità lavorativa, visti i tempi di crisi che viviamo, ma mira a evidenziare la realtà: la discrepanza di cure tra nord e sud, alla quale noi come infermieri non possiamo essere indifferenti ed è bene che si sappia! Siamo scoraggiati, amareggiati e ci troviamo spesso ad andare a lavorare in varie zone d’Italia o d’Europa (dove forse siamo più apprezzati), ma appena riusciremo a radunarci e a farci forza a vicenda, grazie a diverse iniziative sui social network (in particolare INFERMIERI DISOCCUPATI E/O PRECARI), non potrete più ignorarci. Quello che riecheggia nei nostri animi è il suono “ Libera lo stiamo perdendo”. Stiamo perdendo la qualità, l’anima, la professionalità e l’efficacia del nostro meraviglioso sistema sanitario nazionale tanto invidiato al mondo. Non è possibile trovare “la ricetta ai mali” quando già si ha un’aspettativa di guarigione nulla! Prendiamo in mano la situazione quando ancora è curabile! E’ tempo di alzare la testa e farci sentire, dateci la possibilità di farci sentire per tutelare la nostra categoria e tutti VOI che venite assistiti! Grazie per l’attenzione. - Infermieri in esilio-

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog