Cerca

APPELLO AL SIG. BELPIETRO

25 maggio 2013 Il magistrato giudice FABIO MOSTARDA del Tribunale di Roma ha condannato a 6 mesi di carcere il cittadino disoccupato FILIPPO P. , perchè ha rubato pane , formaggio e arrosto del valore di 10 euro , per sfamare suo figlio e sua moglie . Quando in un sistema politico-economico-sociale come quello italiano , i cosidetti giudici e magistrati dello Stato emettono tali sentenze con tali condanne a chi è costretto a rubare per mangiare , perchè il sistema da anni non garantisce più i più elementari diriti di civiltà al suo Popolo ; diritti alla vita , diritti al lavoro , diritti alla salute per malati ai quali gli ospedali rifiutano le cure perchè i cittadini disoccupati non hanno denaro per pagare i cosidetti tickets ; quando tutto ciò e tanto altro è legge di uno Stato profondamente ingiusto e violento e quando le leggi sono anti costistuzionali e quindi sono illegali e illegittime , è sacrosanto e giusto il dovere alla ribellione . FILIPPO P. è già un martire per il Popolo italiano , è un esempio di quanta crudeltà i magistrati italiani sono capaci di esprimere in un momento di gravissima crisi economica e sociale , peraltro inventata dai potenti banchieri del mondo per ridurre in miseria i popoli. Lanciamo un appello a tutte le persone intelligenti , di buon senso , senza distinzioni di religioni o di razza , di qualsiasi tendenza politica istituzionale , di qualsiasi pensiero a fare il semplice gesto che ha fatto FILIPPO P. Creiamo il Movimento culturale di ribellione alla ingiustizie sociali in Italia ' FILIPPO P.' attivando lo strumento della rete sul web col preciso obiettivo simbolico di RUBARE UN PEZZO DI PANE nel più vicino supermercato il giorno 10 giugno 2013 alle ore 12 in tutta Italia , tutti insieme allo stesso orario . Dovremo essere i milioni di italiani disoccupati , senza più una casa , senza i soldi per le cure mediche , senza più una speranza di vivere normalmente. In quel giorno e a quell'ora ci dovranno arrestare tutti , ma dovremo milioni di italiani . Se i magistrati non lo faranno , dovranno essere loro a essere processati dal popolo italiano per le gravissime ed inaccettabili ingiustizie che hanno generato . Questo appello riguarda anche i veri e seri giornalisti di qualsiasi giornale , televisione o altro media. Questo gesto simbolico ma importante per la civiltà da ristabilire in Italia è rivolto anche al Papa Francesco e a tutti i credenti coraggiosi per il rispetto della vita contro le barbarie dello Stato e dei suoi giudici . Firmato I milioni di disoccupati italiani .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog