Cerca

L'amarezza del destino per un'Europa meticcia

Caro Direttore, basterebbe dare un'occhiata alla storia mondiale per sapere che l'incrocio delle razze umane ha significato progresso civile e benessere in ogni nazione, nella legalità ed il rispetto dei valori dell'intelligenza creativa, cosa che nell'attuale Italia è impossibile per essere finita in mano ai cialtroni senza alcun valore che guazzano dell'illegatità, nel disordine, pur di farne mercato a qualsiasi costo, soprattutto perché privi di capacità e volontà creativa. La Germania, si sa, ha sovente aspirazione di resuscitare "la razza ariana", insofferente per la situazione che sopporta di mal gemio, così come la Francia che ancora vanta la "grandeur", senza parlare dell'astuta democratica Inghilterra che va sempre a sinistra, distinguendosi dal resto del mondo in cui ha inciso secolari gabelle che garantiscono la magna pompa alla regina, e poi ci sono i paesi nordici che stanno solo teoricamente dentro l'Europa ma non vogliono vivere alla loro maniera. Ma in Italia sanno solo ciarlare, fare casino, poi alla fine si allineano tutti a far festa, gozzovigliare, cantando: "ma che c'impòrta, ma che ce frega..." Abolire, come già detto, il marcio carrozzone del "Parlamento Europeo" sarebbe già una vittoria e un taglio alle inutili spese per essere si vilmente svergognati...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog