Cerca

L'agenzia delle entrate conosce le leggi dello stato?

Egregio Direttore, la presente per segnalare l’atteggiamento persecutorio dell’Agenzia delle Entrate, totalmente ingiustificato a norma di legge, nei confronti di una persona disoccupata in gravi difficoltà economiche. Il fatto si riferisce all’acquisto, con mutuo prima casa, di un appartamento sito in Formigine (MO) via Tosi 7. L’atto di acquisto porta la data del 6 agosto 2008 quando la sottoscritta lavorava a tempo pieno in un bar, situato nel medesimo comune, in frazione Corlo. In precedenza ero impiegata presso l’Università di Modena ma, dall’8 giugno dello stesso anno mi trovavo in aspettativa senza assegni ed ero quindi pienamente legittimata a svolgere il lavoro di cui sopra. La legge prevede che per avere diritto alle agevolazioni "prima casa" l’acquirente debba, entro 18 mesi dall’acquisto, stabilirvi la propria residenza oppure che l’immobile si trovi nel comune dove il soggetto svolge la propria attività lavorativa, ciò che è stato totalmente ignorato dall’Agenzia delle Entrate malgrado le ripetute istanze da me presentate, regolarmente rigettate. Per farla breve mi sono state applicate sanzioni per 27.000 euro che non solo non sono in grado di pagare ma che, in base alle leggi vigenti, sono del tutto ingiustificate. Sassuolo 28 maggio 2013 In fede Luigia Solazzo Sassuolo (MO)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog