Cerca

ESODATO SI ..ESODATO NO ..LA TERRA DEI ..

Caro direttore le inoltro la maiul inviata il 23 maggio scorso al ministro Giovannini , se vuole la giri al ministro ,per fortuna ex ,Fornero di cui abbiamo recentemente letto sul suo giornale. con stima Mimmo Mainolfi Egr. signor ministro Giovannini , sono Domenico Mainolfi, esodato non salvaguardato dell'azienda farmaceutica Glaxo Smith Kline spa ,una multinazionale con sede a Verona. Ho firmato il verbale di conciliazione ,dopo la lettera di licenziamento ,il 4 aprile 2011 nell'ambito dell'accordo collettivo ,firmato il 22 marzo 2011, tra le parti sociali e l'azienda con l'autorizzazione della DTL di Verona .Come vede le date sono molto antecedenti alla entrata in vigore della rifoma Fornero/ Monti ,l'unica riforma sostenuta senza nessuna discussione da PD E PDL. Non rientro nel decreto dei 65.000 perché non in effettiva mobilità al 31 dicembre 2011. La 223/ ,come lei sa ed avrebbe dovuto sapere la saccente ministro, consente alle aziende di dilazionare le uscite anche per più di un anno , proprio in merito della riduzione del disagio sociale .IO licenziato inderogabilmente il 4 aprile 2011 ,per consentirmi di maturare la pensione ante tragedia Fornero,durante la mobilità ,sono uscito il 31 ottobre del 2012. Non rientro tra i 55.000 salvaguardati del secondo decreto perché l'accordo collettivo non era stato firmato in "sede governativa " ma come lei sa e la Fornero no ,le aziende che non hanno siti produttivi in più regioni non accedono a sedi governative per i propri accordi ,ma si devono rivolgere alle sedi delle DTL locali le quali ,come lei sa sono il ministero del lavoro in loco .La Fornero non lo sapeva ,anzi "non sapeva di questa pratica diffusa" di firmare accordi territoriali, il ministro del lavoro che non conosce la 223/91 ,sic .!( poveri studenti bocconiani futura classe dirigente ).MA La 223/91 non è una legge che vale in tutt' italia ? Vuoi vedere che che Verona è davvero in Padania e che nostra insaputa la lega ha fatto il botto! Non ho impugnato il licenziamento perché SONO cattolico e riconosco che gli altri esistono davvero ,non solo nei libri o in qualche buona intenzione: io avrei chiuso onorevolmente la mia carriera andando in pensione senza tentare di sottrarre il posto ad uno più giovane ,magari un padre di famiglia.IL primo criterio per individuare chi dovesse essere licenziato era il pensionamento attraverso mobilità. Coerenza la mia ? si .ESSERE D'ACCORDO con l'azienda? Si,perchè mandare via chi maturasse la pensione in mobilità era un principio giusto. Non rientro tra i 10.300 ,terzo decreto, perché pur consentendo l'accesso agli accordi firmati in sede territoriale ,la salvaguardia è concessa a chi, pur avendo firmato il licenziamento prima del 4 dicembre 2011, era uscito entro il 30 settembre 2012 , e comunque maturasse il diritto alla pensione ,ante commedia Fornero, entro il 2014.Io sono uscito il 31 ottobre 2012 e maturo il diritto con i vecchi requisiti (97) a gennaio 2016. Come vede c'è voluta tutta la buona volontà di chi non vuole riconoscere il proprio errore ,e la PRIMA DELLA CLASSE NON POTEVA fare la brutta figura .Lei pur sapendo il numero degli esodati ( l'inps lo aveva detto in alcune audizioni )ha continuato a inventare paletti per portalo al SUO numero. C'è voluto ,insomma tutta la creatività italiana per buttarmi fuori da tutti i decreti .Oggi leggo che forse ci salvaguardano tutti .ma dobbiamo lasciare sul terreno l'8%.( 2% ogni anno dai 62 ai 66) Lo Stato ,che doveva garantire l'accordo autorizzato e sancito dalla SUA DTL DI VERONA ci ha tradito ,o è stato indotto al tradimento da una signora piangente che ha violato volutamnente l'art 3 e 38 della Costituzione.L'art 3 dice che tutti i cittadini hanni gli stessi diritti ed è lo Stato che deve fare in modo che questo accade se ciò non fosse. Gli azzeccagarbugli di Fonero ce l'hanno messa tutta per buggerare questo baluardo della democrazia. L'art 38 dice che lo stato deve provvedere ai disoccupati e guarda caso la Tragedia /Riforma cade sulle spalle dei disoccupati ,già perché che cosa sono gli esodati se non disoccupati ! Eppure la ministra il problema non se lo è posto per niente ,ha solo finto. Anzi ci ha preso pure per i fondelli perché a chi le chiedeva di rivedere le pensioni d'oro ha risposto che erano diritti acquisiti !Strano aveva appena perpetrato lo scempio della retroattivita' della sua riforma non riconoscendo i più sani principi della democrazia. Democrazia? ...ma quando un diritto per uno vale e per un altro no non è puro fascismo ? Lo Stato tradisce il patto ed ora vuole da me una percentuale della mia pensione .Quando ho pagato i contributi, altissimi le garantisco, nessuno mi ha fatto lo sconto , ho pagato fino all'ultimo centesimo come era ed è giusto che sia . Niente guerra fra poveri ma uno che rientra tra i 130.000 prende tutta la sua pensione , e ce ne sono alcuni rientranti nello stesso accordo firmato da GSK A verona,Io no ! Io tradito dal Garante del mio accordo, LO STATO ,devo pure il "PIZZO" dell'8%. Cominciate a cacciare dal parlamento ,dalle regioni ,dalle istituzioni i ladri poi ne potremmo riparlare . Se leggerà questa lettera La ringrazio per la pazienza con cui arriverà fino in fondo Signor Ministro, ma oggi mi sento come mi sono sentito tanti anni fa proprio in questa data quando fu ucciso l'uomo che combatteva la mafia che toglie i diritrti ed esige il pizzo. Con Stima fino alla prova dei fatti ed un saluto come tra uomini liberi. Il non più dott. ma Esodato Domenico Mainolfi corso G.del Balzo 315 83017 Rotondi (AV) 3483976254

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog