Cerca

Non GIUSTIZIALISTA !

Se dovesse risultare vero che la povera ragazza sedicenne di Corigliano Calabro,già accoltellata dal suo spasimante ("mi ha aggredito" ha avuto lui la sfrontatezza di dichiarare..), quando lo ha visto tornare sul luogo del delitto ha tentato disperatamente di togliergli di mano la tannica di benzina prima di essere incendiata,mi sembrerebbe equo e solidale una delle seguenti condanne : mettere in condizioni l'assassino di implorare anch'egli nella stessa guisa,oppure rinchiuderlo per sempre in cella assieme alla sua amata,proprio così come lui l'ha ridotta. Adesso,non venite a dirmi che sono "giustizialista"...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog