Cerca

Ma per i magistrati non esiste il conflitto d’interesse?

L’articolo di Liberoquotidiano: “Le toghe difendono le pensioni d'oro E' incostituzionale sovratassarle La Consulta pone lo stop al contributo aggiuntivo imposto dal 2011 sugli assegni superiori ai 90mila euro lordi l'anno.”. Ma per i magistrati non esiste il conflitto d’interesse? A mio modesto avviso i magistrati avrebbero dovuto astenersi dal giudizio. Da Wikipedia Senatrice Anna Finocchiaro Laureata in giurisprudenza, nel 1981 diventa funzionario della Banca d'Italia nella filiale di Savona. Pretore a Leonforte dal 1982 al 1985, fu sostituto procuratore nel tribunale di Catania fino al 1987, anno in cui venne eletta deputato nelle file del Partito Comunista Italiano. Inizialmente funzionario della Banca d’Italia (è stata raccomandata?). Poi è passata in magistratura, praticamente ha fatto il magistrato per circa 5 anni, poi è stata presa dalla politica. Riporto le “promozioni stipendiali attribuite alla senatrice – magistrato collocato fuori organico dalla magistratura perché in aspettativa per mandato parlamentare; se la senatrice non lavora per la magistratura perché deve “subire” gli aumenti stipendiali come magistrato?, perché deve maturare due pensioni d’oro? Tiene impegnato un posto in organico nella magistratura (come tanti altri magistrati) , che potrebbe essere ricoperto da un magistrato regolarmente assunto DD.MM. 17-6-2011 - V° U.C.B. 5-8-2011 Alla dott.ssa Anna FINOCCHIARO, nata a Modica il 31 marzo 1955, magistrato il quale ha già conseguito la sesta valutazione di professionalità, collocato fuori dal ruolo organico della magistratura perché in aspettativa per mandato parlamentare, è riconosciuto il positivo superamento della settima valutazione di professionalità a decorrere dal 13 maggio 2009. Al predetto magistrato, in applicazione dell’art. 50 della legge n. 388/2000, è attribuito a decorrere dal 13 maggio 2005, il trattamento economico spettante ex art. 5, 2° comma, della legge 5 agosto 1998, n. 303, pertanto, lo stipendio annuo lordo da corrispondere è di € 109.433,15 (HH07 - cl. 8ª - sc. 6°) con anzianità economica di anni 29. La variazione biennale successiva maturata il 13 maggio 2006 (HH07 - cl. 8ª - sc. 7° - con anzianità economica di anni 30) è corrisposta dal 1° maggio 2006. Allo stesso magistrato continuerà ad essere corrisposta l’indennità speciale annua lorda prevista dall’art. 3 della legge 19 febbraio 1981, n. 27. La spesa graverà sui capitoli 1400, 1420 e 1421 dello stato di previsione della spesa del Ministero della Giustizia, Missione «Giustizia», Programma «Giustizia civile e penale», U.P.B. 1.2.1. «funzionamento» del Centro di responsabilità Amministrativa (C.D.R.) «Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi» per l’anno finanziario in corso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog