Cerca

COSA RISCHIA GRILLO

Caro Direttore: Pochi giorni dopo le elezioni politiche ero dal mio salumiere e tra una salsiccia e un po' di carne macinata parlavo con un cliente presente in negozio che si interessava della nostra situazione parlamentare. "Vedrete adesso con Grillo tutto cambia", affermava l'esperto in erba. La mia risposta che ritengo ancora valida oggi fu questa: "quando metteranno piede in quel palazzo, quei ragazzi inesperti e quasi tutti senza soldi, si attaccheranno alla poltrona come fanno anche gli altri e all'occorrenza cambieranno casacca lasciando Grillo a predicare nel deserto". Anche rinunciando a una parte di stipendio rimangono 10000 euro al mese che per un "morto di fame" (scusate l'espressione dura) sono un appetito formidabile e quindi questa "pacchia" va prolungata il più possibile, anche a costo di entrare nel gruppo misto. Quando la decisione fatale toccherà ai senatori poi (ago della bilancia), lascio a voi immaginare quali scenari ci si prospetteranno davanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog