Cerca

I SOLDI PER L'IMU? TAGLIAMO I COSTI DELLA P. A.

Egregio Direttore, si parla tanto della impossibilità di togliere IMU ed evitare l'aumento dell'IVA per mancanza di risorse. Peraltro l'aumento IVA, molto probabilmente, farebbe scendere il gettito anziché aumentarlo perchè genererebbe un ulteriore calo dei consumi, già fortemente penalizzati. Il vero cancro per le casse dello Stato è rappresentato dagli altissimi costi sostenuti per i dipendenti pubblici ed, in particolare, per i dirigenti e direttori che costano oltre 300 mila euro l'anno a testa con un chiaro squilibrio retributivo rispetto a funzioni omologhe esercitate in altri stati dell'Unione Europea. L'esperienza ci ha insegnato che è praticamente impossibile schiodare da simili status questi privilegiati che difendono in tutti i modi le loro posizioni e persino la Consulta ha dato loro ragione contro un tentativo del Governo di limitare le retribuzioni dei manager pubblici a 250 mila euro annui. Questo stato di cose non può durare nel tempo senza effetti devastanti sulle casse pubbliche e quindi sulle condizioni di vita dei cittadini. Un sistema ci sarebbe per rimettere le cose in equilibrio nel medio lungo termine: visto che non è possibile tagliare lo stipendio a che ce l'ha già bisognerebbe modificare i livelli retributivi di tutti i dipendenti del pubblico impiego, con particolare riferimento alle posizioni dirigenziali, ed applicarlo a tutte le nuove assunzioni successive alla stipula del contratto stesso. In questo modo nessuno avrebbe da lamentarsi (spero) e si potrebbe stabilizzare la spesa nel medio lungo periodo alle stesso modo con cui sono state trattate le pensioni. Solo che per queste ultime la Consulta …......non ha avuto nulla da obiettare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog