Cerca

Problemi di comunicazione

A giudicare dagli ultimi pronunciamenti, credo che esista un problema di comunicazione dei portavoce del Governo. In particolare oggi vi sono state dichiarazioni di esponenti europei, che non coincidono con quanto recentemente comunicato. Il premier tedesco, sig.ra Merkel, nell’ esporre il proprio punto di vista sul problema della disoccupazione giovanile , dichiarava che a fronte di tale problema l’ UE aveva stanziato 6 Miliardi di euro, e non 9 Miliardi come comunicato nel nostro Paese ( come d’ altra parte risulta dal verbale del Consiglio UE del 27/28 Giugno, documento EUCO 104/2/13 REV 2). In un ulteriore evento, il Presidente della Commissione europea, Barroso dichiarava che si sarebbe concessa una flessibilità sul bilancio, a fronte di investimenti, sempre rimanendo al disotto del 3% di deficit, e sempre nei limiti del cofinanziamento nazionale ai fondi europei stanziati allo scopo,mentre le dichiarazioni dei portavoce nel nostro Paese tendevano ad accreditare che il limite del 3% di deficit fosse superabile a fronte di investimenti. L’ unica concessione che si evince dalle parole di Barroso,consiste nel non dover diminuirenel 2014 il debito del 3% , cioè non dover avere un surplus del 3%, come dal patto sottoscritto che prevede in venti anni l’ azzeramento del debito. Ma questo già era nella programmazione del nostro Stato, come enunciato quando si è approvato il Piano di Pagamenti dei creditori della PA. Luigi Lavorgna, Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog