Cerca

Se l'ipocrisia è spudorata

Leggo su La Repubblica di oggi 4 luglio che l’illustre esponente dell’intellighenzia Corrado Augias trova l’occasione di criticare i comportamenti sindacali che hanno recentemente impedito ai turisti di accedere al Colosseo ed a Pompei. Ma dove è stato negli ultimi decenni l’ineffabile Augias? Sicuramente non a La Repubblica, che è stata ed è la fiera paladina dei sindacati-casta e dei loro indiscutibili ed intoccabili privilegi. E se ora i medesimi sindacati sputtanano la nostra immagine per il mondo penalizzando il turismo nel nostro Paese (e, guarda caso, contribuendo a non attivare nuovi posti di lavoro), non è forse questa la logica conseguenza della inettitudine dell’altra casta (quella politico-giornalistica) che ha sempre inneggiato alla purezza dei sindacati (di sinistra) ed alle loro sante e sacre battaglie a difesa di chi è già garantito? In fin dei conti, quel "bandito" di Marchionne (almeno per come è additato in Italia dai nostri sindacalisti) è dovuto andare negli USA per trovare l’apprezzamento dei sindacati (che non devono essere puri e geniali come da noi)… Vincenzo Delli Colli CASTROCIELO (FR)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog