Cerca

Costituzione

Egregio Direttore Mi permetta questa riflessione della quale sarei grato del Suo pensiero. Al termine di una guerra devastante ma anche fratricida e la conseguente fine del fascismo con una Nazione da riformare, i cosiddetti padri costituenti si sedettero al tavolo per dettare le nuove regole da applicare al Paese e con quello che era accaduto con Mussolini si preoccuparono non poco nel trovare una soluzione a che ció non si ripetesse trovandola nel passaggio costituzionale che blinda Giustizia e Magistratura in un corpo a sé stante e indipendente a perenne tutela da un possibile ritorno ad un periodo politicamente non democratico. Come si dice in questi casi di acqua ne é passata sotto i ponti ma mi sembra che ormai quella che doveva essere una garanzia, un estremo baluardo, negli ultimi anni ,anche con il consolidarsi della democrazia in Italia , questa garanzia questo baluardo siano venuti meno anzi sono un impedimento alla crescita del Paese perché da difensori della libertá e da paladini della Giustizia sono diventati a loro volta politici e stanno facendo politica al pari di un partito con la differenza che non sono stati eletti dal Popolo . Quanto scrivo é dettato anche dagli ultimi avvenimenti ampiamente descritti nei quotidiani e che , ammetto, hanno generato in mé molta confusione portandomi a scriverLe con l'intenzione di capire meglio ció che stá succedendo in Italia e chiedendo ad una persona molto informata,esperta e scafata della politica attuale. Nel ringraziarLa con anticipo Daniele Sanson

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog