Cerca

IL SINDACO ORLANDO VUOLE FOTTERE I COMUNALI PER PAGARE LA GESIP

GENTILE DIRETTORE SI SEGNALA QUANTO SEGUE: Partiamo dalla Gesip. I lavoratori, ormai da una settimana, sono fermi e il rientro in servizio, dato più volte per imminente, in realtà non si è mai concretizzato. Sebbene sia arrivata la firma del finanziamento da Roma, infatti, manca ancora l’ultimo passaggio ovvero la firma del governatore Rosario Crocetta. Governatore che giovedì scorso non era a Palermo, nonostante l’incontro tra Orlando e l’assessore Ester Bonafede, e che dovrebbe in poche parole autorizzare gli uffici a concedere la nuova cassa integrazione senza passare dal tavolo tecnico che potrebbe creare ben più di un problema. Una delle ipotesi in campo potrebbe essere quella di una proroga inferiore ai sei mesi, per evitare le proteste degli altri cassintegrati, ma sta di fatto che se la firma del governatore non giungesse nemmeno oggi sarebbe facile prevedere nuove manifestazioni di piazza. Oggi la Regione volerà comunque a Roma per capire di preciso quanto toccherà alla Sicilia e la speranza è che le risorse siano superiori al previsto: in questo modo si potrebbe estendere la Cig agli esclusi, disinnescando sul nascere eventuali proteste sulla proroga a Gesip. Se il governatore firmasse oggi, già domani potrebbe esserci la convocazione all'Ufficio provinciale del lavoro. Il Comune, comunque, guarda già al 2014 e nell’ultimo incontro con i sindacati Orlando ha messo sul piatto due possibilità, ovvero la richiesta di due deroghe al ministero della Funzione pubblica: la prima per la mobilità orizzontale fra aziende, la seconda (inedita) per scorporare dalle spese per il personale (che per legge non devono superare il 50 per cento della spesa corrente) i soldi usati per Coime e Lsu provenienti da Roma, pari a decine di milioni di euro. Una deroga che, se venisse concessa, eviterebbe il blocco delle assunzioni al Comune ma che in molti considerano solo una mera speranza visto che si dovrebbe comunque ricorrere a una variazione della norma OVVIAMENTE NEI PENSIERI PERVERSI DEL SINDACO I NULLAFACENTI GESIP VALGONO PIU' DEGLI IMPIEGATI COMUNALI ANCHE SE STABILIZZATI CON 800 EURO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog