Cerca

il messaggio che ci arriva dall'Islam

Domenica scorsa ho letto con orrore la notizia della strage in Nigeria ad opera di una fazione terroristica di matrice islamica (e ve ne è stata anche un'altra in una diversa regione). L'indignazione è troppo forte per trattenermi dall'esprimere qualche considerazione in proposito. L'estremismo islamico costituisce una realtà tragica, che coinvolge molti Paesi Africani, tutto il mondo Arabo, dal Mediterraneo fino al Golfo Persico, e si estende molto oltre fino all'Afghanistan, Pakistan, buona parte del Sud-Est Asiatico, così come in intere regioni nate della caduta del blocco comunista, e più in generale in tutti i Paesi Musulmani: una costante che accomuna tutto l'Islam. Quanto avvenuto in Nigeria è solo l'ultimo esempio di un fenomeno di dimensioni mondiali che dovrebbe letteralmente terrorizzare tutto l'Occidente, per il pericolo di esserne irrimediabilmente travolto. Non è così. L'Occidente non vuole sentire e vedere, è inerte, subisce passivamente, indifferente ad un processo che ne stravolge sempre più l'identità e che lo sta divorando. Dalle Torri gemelle alla stazione di Madrid alla Metropolitana di Londra, tutti eventi già dimenticati? Quale il prossimo e di quali proporzioni, per risvegliare la memoria e scuotersi dall'attuale torpore? La deriva estremista ieri in Libia, oggi in Tunisia, la situazione in Turchia, la guerra in Siria ("armiamo i ribelli", Barack Hussein Obama), l'Egitto sull'orlo di una guerra civile, la minaccia nucleare dell'Iran, gli effetti del terrorismo subiti in Iraq ed in Afghanistan, con un tributo enorme di vite umane da parte di chi ha avuto la presunzione e la stupidità di voler "esportare" la democrazia dove il concetto stesso di democrazia è sentito come il peggior nemico, e potrei continuare all'infinito. Tutto ciò non basta. Sembra di no. La cecità di fronte alla natura più autentica dell'Islam: un atteggiamento di autolesionismo che rasenta la perversione. Non voler riconoscere il poter sconfinato che sui Musulmani esercita il Corano, "Al Quran", libro di inaudita violenza; il richiamo irresistibile del grido "Allah Akbar", il suo potere devastante. Altro che società multietnica, multireligiosa, multiculturale. Una follia. Il preteso incontro tra due culture: quale "cultura", quella dell'Islam? Una mistificazione storica. Accomunati agli Ebrei, i Cristiani sono solo "cani infedeli", da sottomettere e preferibilmente eliminare. Non esistono i Musulmani buoni e quelli cattivi, esistono i Musulmani. L'ipocrisia dei Musulmani "moderati": una trovata astuta cui l'Occidente ha colpevolmente abboccato, ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Breve parentesi: non condivido il viaggio del Papa a Lampedusa e meno che mai quanto è stato detto. Mielosi discorsi rivolti ad immigrati e clandestini, in larga parte provenienti dai Paesi dove si incendiano le Chiese e si massacrano i Cristiani. Bravo, Papa Francesco. E' troppo chiedere un minimo di equidistanza e di coerenza? E poi è comodo manifestare benevolenza ed accoglienza quando le conseguenze degli sbarchi ricadono su di un Paese straniero (l'Italia) e non sul proprio (il Vaticano). Vorrà dire che i “migranti” verranno dirottati sulla Città del Vaticano e, meglio ancora, sulla residenza privata di Bergoglio, che così ne sarà molto contento. Chissà se i disperati delle baraccopoli di Buenos Aires proveranno sollievo dalle parole del loro concittadino più illustre. Dopo il vergognoso ossequio di Letta alle sedicenti “Autorità Palestinesi” a Ramallah, dopo le parole intollerabili della Boldrini e della Kyenge, ci mancava solo il Papa. Egregio Direttore Belpietro, la parentesi non è affatto stata breve, e riconosco che è stata una divagazione dal tema principale, e me ne scuso. Per quanto attiene al terrorismo islamico, da cui tutti dovremmo sentirci allarmati, un piccolo sfogo da parte di chi come me avverte il pericolo di vedere sconvolte le basi di una civiltà millenaria nella cui eredità ci si riconosce e fortemente si crede.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog