Cerca

Su Beppe Grillo

Gentile direttore, non una sola espressione facciale o verbale è sfuggita alle telecamere dei suoi feroci detrattori. Non una sola battuta da comico inveterato è stata perdonata a quello che possiamo considerare, con buona ragione, il più grande spauracchio del sistema partitico da qualche anno a questa parte. Un uomo grasso, barbuto, sudato, urlante, e con la bava alla bocca. Ecco l'immagine che ci viene in mente pensando ai suoi comizi. Tuttavia Beppe Grillo sbaglia di grosso quando attribuisce la responsabilità delle sue sfortune elettorali ai giornalisti, alla politica, ai poteri forti e pure alle banche. La colpa in realtà è solo sua. La scelta di evitare la tv limitandosi alla rete, in un paese pieno di anziani che non usano la rete ma hanno in compenso almeno un paio di televisori in ogni casa, si è rivelata talmente fallimentare da non meritare commenti. Le modalità di reclutamento dei candidati poi non le ho mai capite. In ogni caso il loro desolante risultato è sotto gli occhi di tutti. La pattuglia grillina sembra più confusa che incazzata. Persino nel rinunciare ai soldi pubblici sono riusciti a sembrare sgangherati e poco convinti nonostante fosse stato il loro cavallo di battaglia per tutta la campagna elettorale. Una allegra combriccola di fanatici sbroccatelli, diciamolo. Tutto sbagliato quindi? No. Il messaggio di fondo è sacrosanto. Essere incapaci di governare non significa necessariamente essere incapaci di dire cose giuste. Se io fossi ministro dell'economia impiegherei penso qualche annetto per capire i rudimenti della gestione della segreteria ma questo non mi impedisce di avere tante dilettantesche idee su come dovrebbe essere curata l'economia italiana. Bene ha fatto allora il barbuto e sudato comico genovese ad andare da Re Giorgio per fargli presente che qui sta per saltare tutto in aria. Ha fatto quel che avrebbe dovuto fare il centro destra: rompere i coglioni a tutti per cercare di migliorare le condizioni degli italiani anzichè far parte di un governo che è tra le cause principali dei nostri problemi. E invece Angelino Alfano è vice di Letta. Vai a sapere.... Cordiali saluti Giorgio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog