Cerca

cattiva sanità

E' giusto che io mi presenti,sono una donna sposata con due figli grandi, in età di liceo, un marito e un fratello schizzofrenico. Noi coniugi non abbiamo un lavoro a tempo determinato, ma siamo considerati appartenenti ad una famiglia media, in quanto i miei genitori ci hanno lasciato due appartamenti che invece di aiutarci ci vincolano enormemente,ma questo è un altro problema. La denuncia che voglio fare è nei confronti del Csa che dovrebbe tenere in cura mio fratello, recentemente dimesso da un lungo ricovero, in seguito alla morte di mia madre. Il medico che lo 'segue' in più di dieci anni non ha quasi mai rispettato gli appuntamenti, non ci ha messo al corrente delle eventuali strutture di supporto e, nei momenti di maggiore crisi, che non descrivo, ma lascio immaginare, ci ha consigliato il TSO. In ultimo abbiamo seguito il suo consiglio: mio fratello, ricoverato con la presenza delle forze pubbliche, in un ospedale, in termine di 24 ore è diventato una larva. Legato al letto, sedato, pieno di Pipì e cacca! E' rimasto così per una settimana, dopo che le mie insistenze hanno convinto la direttrice sanitaria a contattare una clinica convenzionata. Tra l'altro questa psichiatra scontrosa, lo ha fatto di malavoglia, sostenendo che la legge prevedeva un ricovero di una sola settimana e che il dott.Quinzi, medico psichiatra di mio fratello, del CSA di via Sabrata in Roma,mi riteneva idonea a seguire mio fratello senza bisogno di prolungare il ricovero. Adesso, dopo che più volte,ho chiesto aiuto al dott. Quinzi, senza avere da lui nessuna risposta ( l'ultima è stata quella di dirmi di essere in ferie, mentre era al Csa), mio fratello, solo senza nessun supporto, ribelle ad ogni terapia, è con me: gli inquilini protestano, il direttore sanitario del CSA non è intenzionato a cambiarmi medico e in tutto questo volete sapere cosa mia ha detto il caro Quinzi? " Qual'è il problema? di fronte ad una nuova crisi chiamiamo il TSO!" La mia lettera vuol essere una denuncia al sistema, a tutti quei medici, e ne ho incontrati tanti, inadempienti, il sistema siamo anche noi, se altre famiglie vivono lo stesso calvario che ne denuncino soprusi e cattiva sanità. Monica Vanni di Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog