Cerca

La nuova politica della regione Friuli Venezia Giulia è fuori di ogni logica.

Egregio Direttore, Il sistema politico italiano soffre di una malattia grave. La completa mancanza di fiducia nella classe politica da parte dei cittadini. Passate le elezioni, raggiunto il proprio scranno che si spera di tenere a lungo, l’eletto ha dimenticato che egli è lì per cercare di fare il bene del Paese. Significa il bene dell’Italia, non del suo portafoglio, del suo partito, della sua ideologia cieca. Gli esempi sono lampanti e sotto gli occhi di tutti. La nuova Presidente del Friuli Venezia Giulia, si è affrettata a segnalare al mondo che la Regione non ha bisogno del rigassificatore, facendo scappare l’ultimo imprenditore pazzo che pensava di spendere un po’ di quattrini in questo paese. Dopo estenuati trattative (comitati locali del NO ad ogni cosa) anche la centrale elettrica del lago di Cavazzo ha rinunciato al progetto di incremento della produttività. Tra poco anche altre aziende situate nel territorio scapperanno per lidi lontani e più promettenti dove l’energia costa meno. Per contro la nuova Presidente è corsa dal Presidente del Consiglio dei Ministri per chiedere… “soldi”! Giovanni Ridinò

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog