Cerca

gli ausiliari non ci stanno

Egregio Direttore, Le scrivo dopo aver letto l'articolo pubblicato il 14 luglio 2013 sul giornale da Lei diretto. L'articolo riguarda gli ausiliari della sosta definiti i "becchini della sosta" Ritengo l'articolo offensivo, malevole e pericoloso per questa categoria di lavoratori di cui faccio parte. In questo periodo di crisi, dove la gente fatica a sopravvivere...noi veniamo usati dalle varie opposizioni politiche. Giornalisti di destra, giornalisti di sinistra, giocano con la nostra pelle ingenerano odio per la categoria, ed istigano i cittadini già esasperati dal mal governo ad atti di violenza nei nostri confronti. Vorrei esternare il pensiero di noi ausiliari, sperando che questa lettera non venga cestinata. Noi ausiliari non abbiamo mai avuto un incentivo sulle multe,non lo vogliamo e mai lo abbiamo richiesto. Riteniamo che sia ingiusto nei confronti dei cittadini e ingestibile da parte di noi lavoratori. La lotta per accaparrarsi le multe non è cosa seria, noi siamo pubblici ufficiali e come tali vorremmo essere trattati sia dall'amministrazione che dagli organi d'informazione. L'amministrazione dovrebbe fare opere positive per la città, e giustamente anche far rispettare le regole, ma non vessarla. La crisi che stiamo vivendo è spaventosa, sforziamoci di usare termini corretti ed anche rispettosi nei confronti di tutti. Il nostro stipendio, pulito e sudato dovrebbe semmai essere adeguato a ciò che facciamo, la strada è dura, l'inquinamento è alto, la gente è esasperata eppure siamo sempre in strada noi ausiliari..... 39 ore settimanali per poco più di 1000 euro al mese. E gli altri? Vorrei ricordare che gli ausiliari della sosta sono stati assunti dal comune di Milano come aiuto alla polizia locale. In 15 anni di nostra presenza, tra comune di Milano e ATM c'è chi ha preso il meglio e questo non è sicuramente stato preso dagli ausiliari della sosta. Cordiali saluti Anna

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog