Cerca

notte insonne

Qst è semplicemente uno sfogo notturno, che ormai secondo me accomuna molti italiani...troppi italiani, quelli che grazie al nostro stato hanno perso anche il sonno. Ho 40'anni, tre figli, una di quelle donne che ha fatto file interminabili nei centri ex collocamento per scoprire che è un circuito chiuso che si morde la coda, che ha cresciuto qst figli con lavori brevi e saltuari per arrotondare il lavoro di suo marito.I miei genitori persone per bene, che con una vita di veri sacrifici hanno lasciato una casa in eredità a noi figlie, ed ora mi trovo a pagare un IMU io che sono in affitto con le case popolari, su una casa che nn ho comprato, che nn ho scelto di avere, che è divisa in cinque eredi e che con la crisi immobiliare che c'è in tre anni nn si è arrivati ad una vendita! E nn finisce qui, perchè giustamente in qst anni una delle mie sorelle eredi con un'attività commerciale attanagliata di tasse e pagamenti in continuo aumento, dove o mangi o paghi, si è vista ipotecare il suo quinto dalla signoria vostra equitalia! Ora potrei anche andare a dormire, ma mio marito il lavoro nn lo ha più, il mio lavoretto che nn è a regola e mi offre 5euro all'ora e nn è tutti i giorni(tra l'altro c'è una rumena che forse me lo soffia perchè è disposta a 4,50 l'ora), se faccio la spesa nn pago le bollette, ormai si fa di routine quando arriva il sollecito, se si era sperato nella casa dei miei genitori, l'equitalia ha mandato in depressione mia sorella, che si sente in colpa verso noi altre...in colpa di che? Colpa di appartenere ad una nazione che fa di tutto meno che tutelare la sua gente? Dove il futuro dei nostri figli si immagina solo in un paese estero? E dove noi che sbarchiamo le giornate con venti euro, nn possiamo essere capiti da chi ne guadagna migliaia a stare su delle poltrone, però c'è da capirli, c'è il caso Kazachistan, vuoi mettere! Sanità zero; burocrazia infinità; giustizia stendiamo un velo pietoso, ci rimane solo quella divina; istruzione quella dell'obbligo sei obbligato, ma i libri li compri tutti tu; università le tasse ormai se le sistemano come meglio credono; nn sei più padrone neppure dell'auto se pensi alle assicurazioni che con quello che costano in due anni ce ne compreresti una nuova! Eh ragazzi siamo in Italia, un'Italia che è stata asfissiata nelle sue possibilità turistiche,nelle sue esportazioni di qualità, nei suoi beni storico-culturali-ambientali, verso i diritti e la dignità dei singoli, verso il suo popolo che ormai è saturo di queste minestre riscaldate, che scalda scalda, o vanno buttate o se le mangi il rischio è che facciano solo male! Non c'è più la gioia e l'orgoglio di avere una vita nel tuo Paese, senti di nn farne più parte, vorrei solo trasferirmi e dire un giorno di essere di origine italiana, che sensazione di svuotamento! Perdonatemi dei toni, ma grazie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog