Cerca

Un'ideina facile facile...

Caro Direttore Maurizio Belpietro, A proposito della tormentata discussione che va avanti ormai da mesi su IMU 1° casa sì-IMU 1° casa no, non si potrebbe consigliare ai nostri politici così a corto, a quanto pare, di idee di semplice buon senso una ideina facile facile che aiuterebbe a trovare quei soldi che hanno speso nel passato – e che a quanto ci racconta il rapporto debito/PIL di pochi giorni fa continuano a spendere spensieratamente continuando però a raccontarci che ci troviamo nei guai perché “gli Italiani hanno speso al di sopra delle proprie possibilità”? Intanto bisognerebbe ricordare loro con forza che non sono i cittadini ad essersi procurati una vita “al di sopra delle loro possibilità”, ma sono i politici stessi che per sciatteria, inefficienza della Macchina Statale, mancanza di professionalità in campo politico ed economico e incoscienza vera e propria hanno sperperato i soldi pubblici a loro esclusivo vantaggio, aiutati dai loro troppi “sodali” cooptati a mangiare nella “Greppia Statale” e anche alle spalle del lavoro privato. L’ideina che ai nostri politici si potrebbe suggerire è di ripianare il debito che essi stessi hanno prodotto alle casse dello Stato anche acquisendo a prezzi irrisori appartamenti favolosi dai vari Enti Pubblici. Potrebbero ad esempio versare oggi quel prezzo di mercato che allora non pagarono per intero ma in percentuali irrisorie. Se pagarono 100 quello che valeva 1.000 per acquisire appartamenti in zone di pregio e di metri quadri di 100, 200, 300 e oltre, potrebbero oggi versare i 900 mancanti e immediatamente rientrerebbe nelle casse dello Stato una somma di molto, molto superiore a quella che occorre oggi per togliere l’IMU sulla 1° casa senza tante inutili discussioni di lana caprina. Danilo da Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog