Cerca

Cosa significa "razzismo" in Italia ?

Più di cinquantanni fa ho trascorso qualche anno a Milano come "immigrato" ed ho subito quanto di più riprovevole possa accadere a "qualcuno" che in quel tempo non era settentrionale. Gli insulti erano all'ordine del giorno da parte di baristi, ristoratori,affittuari di stanze,vigili urbani,giornalai ecc.ecc. Fu il tempo del "non si affitta a meridionali","vietato entrare a meridionali", "non si accettano meridionali come apprendisti" : un mondo di "super razzismo alla settentrionale" che mi è stato assicurato non esiste più. Non posso verificarlo perché non ho ragione per andare a Milano,ma sono certo che i milanesi non siano più quelli del dopoguerra e dell'immigrazione di "meridionali": pensare diverso,sarebbe un insulto alla intelligenza dei milanesi di oggi ! Racconto questo per capire che cosa intende il ministro Kyenge per "razzismo",perché se denuncia taluni come razzisti perché non sanno come confrontarsi su temi sociali importantissimi non fa che dare voce ad un gruppo di imbecilli tali e quali quelli che ho conosciuto più di cinquantanni fa a Milano. Il razzismo è quello subito da generazioni di cittadini di origine africana nel paese della libertà e della democrazia ,gli USA. Il razzismo è quello voluto da Mussolini nel 1938 nei riguardi degli ebrei italiani o quello sterminatore di Hitler: questo è razzismo ! Quello che il ministro del governo Letta denuncia è la puzza di "merda secca" che non vale la pena neppure far rilevare !

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog