Cerca

Governo e razzismo

La proposito di razzismo nei confronti del ministro per l’integrazione Cécile Kyenge mi sembra che la forma più strisciante sia quella messa in atto dal Presidente del Consiglio. Infatti, se avesse ritenuto la signora Kyenge particolarmente capace e preparata culturalmente, non l’avrebbe posta all’integrazione (come dire che per rapportarsi con gli immigrati c’è bisogno di un immigrato!). Questa è di per se stessa una posizione discriminatoria verso tutti. Un cittadino italiano può benissimo seguire le questioni dell’integrazione e rapportarsi con gli immigrati. E la signora Kyenge, perché si dimostrasse che è in atto una effettiva integrazione, avrebbe dovuto essere scelta per la sua preparazione tecnica, le sue capacità e incaricata di un ministero con responsabilità specifiche, Economia, Settori produttivi, Esteri, Interni. Questo sarebbe stato un vero segnale di integrazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog