Cerca

la GIUSTIA? Assente

La condanna di Berlusconi era scontata e non c’è avvocato che tenga; ipoteticamente ci sono degli avvocati che hanno la corsia preferenziale con i giudici e che in determinate circostanze ottengono "preferenze". Secondo voci di popolo, qualche avvocato ha dei dossier sui personaggi della vita pubblica (Gelli insegna) e quando si vogliono ottenere "preferenze ", basta far annusare questi dossier al funzionario pubblico e convincerlo a buoni propositi. Nel caso specifico era impensabile che questi sistemi potevano essere messi in atto. Si sarebbe sfaldato una miniera d’oro. Abbiamo visto l’ex presidente della regione Campania –Bassolino- che ha depredato denari pubblici (non da solo) ed ancora non lo vediamo condannato (forse non avverà mai); l’ex Del Turco , appena condannato in primo grado e bisogna vedere come finirà; della regione Toscana non trapela molto, si era parlato delle aree dismesse, l’ex sindaco di Firenze Domenici è sparito dalla circolazione….; Il presidente Errani dell’Emilia Romagna aveva concesso contributi al fratello ( non lui direttamente ma l’ufficio preposto) - illeciti - Coop Terremerse, la magistratura dopo vari esposti lo ha incriminato e poi archiviatoikl caso; il caso Penati della Provincia di Milano, assolto per prescrizione, Vendola della regione Puglia, (è andato a pranzo con un magistrato ed il suo caso archiviato), la sanità pugliese bruciava soldi Pubblici ed il presidente Vendola neanche è stato inquisito, altri esponenti regionali del P.D. inquisiti e poi prosciolti in nome del santo dalema. Chi ha osato inquisire D’Alema è stato amaramente punito (Forleo), D’Alema diceva a Consorte – quanto ti serve per acquistare la banca?- La domanda viene spontanea dove prendeva ‘D’Alema i denari? Dalle Coop Centro-sud America o l’associazione Italianieuropei o dove (erano denari puliti conosciuti dal fisco?)? Senza contare il caso Enav. Da un caso personale: ho subito diversi abusi processuali, in uno di questi la "giustizia" è arrivata alla condanna in secondo grado, ed il mio legale stranamente non è andato in cassazione, ci sono andato personalmente, non solo per l’iter processuale del grado di giudizio, ma per denunciare le illegalità messe in atto dai giudici di primo e secondo grado, le illegalità sono pacchiane e desumibili dalle carte processuali formate dall’accusa e dai giudici (quindi non desumibili da mie supposizioni). Ho scelto questa formula per denunciare in Cassazione le illegalità dei magistrati di primo e secondo grado, alla presenza di queste illegalità la corte di Cassazione e la Procura Generale avrebbero dovuto inviare le mie carte alla Procura della Repubblica competente (perché ravvisavano reati) ed al Consiglio Superiore della Magistratura per giudicare l’operato truffaldino dei magistrati. Di queste illegalità ho informato contestualmente Il presidente Napolitano, il Ministro della Giustizio, il C.S.M. e la Procura della Repubblica competente ad inquisire i magistrati truffaldini; dopo diverse interlocutorie e dopo diversi anni il C.S.M. ha inviato la lettera allegata alla Corte D’Appello che ha commesso i misfatti e per conoscenza ha notiziato la mia persona (il C.S.M. fa riferimento al Giudice di Pace che nel caso di specie non ha operato….. anno operato i giudici onorari c.d. "G.O.T."- ; Alla presente faccio seguire una lettera di un presidente di sezione della Corte di Cassazione con la quale chiede la riduzione dei termini per la notifica e cita l’art. 169 del C.P.P. nel codice di procedura Penale l’articolo recita altro che non attiene il mio caso. Evidentemente Il presidente di Sezione della Cassazione non conosce i codici da cui trae spunto per emettere le sentenze. Nel caso di Berlusconi, La pronuncia della Corte di Cassazione – rinvio ad altra sezione della Corte D’appello per riformulare l’interdizione dai pubblici uffici- poiché del rinvio non è stato fatto stralcio dalla condanna di frode fiscale ed il fascicolo processuale è unico, la condanna complessiva non passa in giudicato fino alla definizione dell’interdizione e quindi è soggetta alla eventuale prescrizione anche la condanna sancita dalla Corte di Cassazione (frode fiscale). A Berlusconi rimane la revisione processuale art 630 e seguenti C.P.P. e la Corte di Giustizia Europea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog