Cerca

Bonanni, una voce inascoltata.

Egregio Direttore, alcuni giorni fa ho avuto modo di ascoltare una breve intervista a Raffaele Bonanni in cui il leader sindacale esprimeva le sue preoccupazioni perché nessuno e a nessun livello, in questo momento estremamente grave per il paese, sembra si stia occupando di esaminare la dinamica del debito pubblico per individuarne gli elementi utili ad invertire la tendenza della sua crescita, ormai , fuori controllo. Mi ha colpito, poi, anche la sua preoccupazione per il mancato pagamento dei debiti dello Stato verso le aziende. Nessuno , anche in questo caso, sembra si stia occupando di capire come questi debiti sono stati contratti , come evitare che queste cose si ripetano nel futuro e , soprattutto , di individuare e colpire i responsabili di simili malefatte ai danni della classe produttrice del paese. Il capo di un importante sindacato dice cose sensate, ma sembra una Cassandra che grida nel deserto della incompetenza e dell’irresponsabilità mentre la nave Italia affonda inesorabilmente. Giovanni Ridinò

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog