Cerca

Organizzare un ponte aereo tra Lampedusa e il Vaticano

Dopo le splendide omelie di Papa Francesco volte all’ accoglienza e alla solidarietà verso gli immigrati (non necessariamente è detto che siano profughi, termine di cui si fa un abuso eccessivo anche da parte dei giornalisti, per l’ ottenimento dello status di profugo occorre verificare una serie di condizioni che non è detto posseggano tutti quelli che vengano) assistiamo ad un nuovo esodo sulle nostre coste con il centro di prima accoglienza di Lampedusa sempre stracolmo. Perché non organizziamo un ponte aereo con il Vaticano in modo che l’ invocata accoglienza (da parte di Papa Francesco ma anche dei suoi predecessori) li veda impegnati in prima persona e non sia solo un impegno altrui ? Chi invoca solidarietà la faccia in prima persona!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog