Cerca

Via i condannati dal parlamento!! Anche chi ha condanne della Corte dei Conti

Anzi, va rilevato che la Corte dei Conti si occupa dei conti della Pubblica amministrazione. Se un amministratore pubblico (sindaco, presidente di regione e provincia, assessori, ministri ecc.) viene condannato dalla Corte dei Conti per pessima gestione della cosa pubblica,deve dimettersi!!!, peggio ancora se il comportamento è doloso. Ricordo così a caso, Lusetti nel comune di Roma aveva fatto fare consulenze per alcuni milioni di euro, la Corte aveva ritenuto non dovute le consulenze, perché nell’assessorato di Lusetti c’erano dei dipendenti regolarmente assunti che avevano la professionalità e la competenza per fare le medesime consulenze; idem compatate per le consulenze fatte dal figlio di Napolitano al comune di Roma (due consulenze non dovute per un importo di €.30.000,00). La Corte dei Conti si dovrebbe occupare anche dei professionisti che hanno fatto le consulenze anomale, condannarli al risarcimento del danno alla cosa pubblica e la sanzione professionale (sospensione o radiazione dall’albo). Le cronache ricordano che nel comune di Bologna un professionista docente aveva fatto una consulenza al costo di un centinaio di mila euro e la stessa consulenza non aveva mai visto la luce, era rimasta chiusa in un cassetto (perché inutilizzabile).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog