Cerca

Odiens o copie in più

Da sempre la satira e la polemica rappresentano il sale del dibattito politico, il saporito condimento per esprimere opinioni diverse e contrapposte. Fin dagli antichi, scrittori, poeti, oratori hanno speso una vita alla ricerca di raffinati neologismi e semantiche lessicali per esprimere al meglio i loro pensieri. Le pene esistenziali dei nostri giorni, invece di elevare lo spirito, paradossalmente producono la decadenza culturale piu’ profonda della nostra esistenza. Ma li sentite Sgarbi e Grillo? Ma li leggete Travaglio e Facci? Con quale linguaggio esprimono le loro opinioni? Ho la vaga impressione che questi alfieri della comunicazione moderna, a prescindere dai contenuti, siano sempre alla ricerca dello sproloquio scurrile, dell’ offesa dissacrante, delle argute provocazioni per ottenere attenzioni, poco importa se qualcuno li querela, ci pensa l’ odiens o qualche copia in piu’

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog