Cerca

Problematiche per i cittadini italiani all'Estero

Caro Direttore, Sn una ragazza Italiana, nata e cresciuta a Vicenza. Dopo 9 anni di matrimonio con un ragazzo Americano abbiamo deciso di iniziare a fare le carte per la richiesta di Cittadinanza Italiana per lui. Siamo residenti negli Stati Uniti, mio marito non riusciva a trovare lavoro in Italia e abbiamo dovuto trasferirci. Abitiamo al Confine fra Loudon County e Fairfax County in Virginia Usa. Io è le mie figlie perché Cittadine Italiane siamo iscritte all'AIRE (iscrizione obbligatoria per tutti i Cittadini Italiani residenti all'Estero), già qua c'è un problema, perché obbligandoci ad iscriverci all'AIRE perdiamo i diritti come Cittadini Italiani, perdiamo il Medico di Famiglia e tutti i privilegi medici allegati. Io negli Stati Uniti pur essendo Cittadina Italiana devo pagare più di €1000 al mese per essere coperta dall'assicurazione medica americana, ed in più ogni volta che devo andare dal medico devo pagare alti €20 o €100 in base al tipo di visita. Assurdo! Tornando al discorso richiesta Cittadinanza Italiana, la mia iscrizione all'AIRE era a Washington DC perché abitavo a Fairfax County, poi ci siamo trasferiti a 10 minuti di strada in macchina da Fairfax County a Loudon County. Ero ancora iscritta a Washington DC, ci abbiamo messo un anno a preparare tutti i documenti necessari per la richiesta della Cittadinanza. Finalmente avevamo tutti i documenti pronti, abbiamo preso appuntamento con l'Ufficio a Washington DC e ci siamo presentati. Premetto che da casa nostra a Washington DC ci vogliono due ore ad arrivare grazie al traffico. Quindi ci presentiamo, e la Sig.ra che ci ha aiutato con le pratiche, molto gentile e disponibile, ci da' una brutta notizia. Non possiamo iniziare le pratiche per la Cittadinanza Italiana perché abitiamo fuori dal confine della zona che loro coprono. Coprono parte dei due Stati, Virginia , Maryland e Washington DC. Che cosa e' successo a questo punto? Be', e' andata da peggio a peggio ancora. Ci hanno detto che noi le pratiche le dobbiamo iniziare a Filadelfia (5 ore di macchina andata e 5 per il ritorno), entrambi lavoriamo e abbiamo due bimbe piccole, dobbiamo perdere due giorni di lavoro ( se nn lavoriamo nn veniamo pagati) e scuola per le figlie ed avviarci al Consolato Italiano a Filadelfia. Bisogna prendere appuntamento e per prendere appuntamento dobbiamo pagare €20, e già li la cosa inizia ad essere interessante; al telefono non mi risponde nessuno, la segreteria telefonica mi spiega che dopo aver lasciato il mio recapito di telefono verrò contattata e che dovrò aspettare 36 ore prima di poter parlare con una "persona". Dopo due giorni di attesa vengo finalmente contattata e mi danno la data di appuntamento per andare a Filadelfia per portare tutti i documenti, 8 Novembre 2014!!! Dopo aver fatto tutte le carte (ci è voluto circa un anno), e dopo aver preso appuntamento con il Consolato Italiano a Washington DC, ora devo aspettare più di un anno per un altro appuntamento. Ho dovuto aspettare 36 ore per essere richiamata e ho dovuto pagare €20 per l'appuntamento. Non considerando tutti i soldi che ho praticamente buttato via per fare tutta la documentazione necessaria per la richiesta di Cittadinanza Italiana perché i documenti non sono più validi dopo 6 mesi. Ma io come Cittadina Italiana cosa devo pensare del sistema Italiano stesso a questo punto? Oltre al discorso soldi anche lo stress che ho subito e che sto' subendo. Che miracoli devo fare per poter vivere in Italia tranquilla? Voglio anche aggiungere che mio marito e' malato grave, ogni giorno rischia la vita. È molto importante che venga seguito bene da un sistema medico di cui io ho molta fiducia, quello Italiano. Non solo anche il poter essere vicino alla nostra famiglia Italiana. Qualcuno potrebbe darmi qualche risposta sul da farsi, qualcuno ha qualche consiglio da darmi? Qui purtroppo i Consolati Italiani che dovrebbero dare supporto e aiutare il Cittadino Italiano, non fanno nulla di ciò. A chi mi devo rivolgere? Al Presidente della Repubblica? Sinceri Saluti, Serena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog