Cerca

Eterofobia, satira a senso unico e razzismo al contrario

Ma Gianluigi Piras che direbbe se lo prendessero in una piazza e lo stuprassero? Cambiando subito dopo idea ovviamente; ma quello che ha detto è molto meno grave di quello che ha detto il leghista Calderoli a proposito della ministra "abbronzata"? E dato che ci siamo, ironizzare sulla statura di Brunetta è satira, ma se si dice che la Kyenge somiglia a un orango è un'oscenità inaccettabile (termine amato dai sinistri). Io credo che gli italiani migliori, che non vivono di pensieri precostituiti, ne abbiano le "tasche" piene di questi personaggi a senso unico, sempre pronti a pontificare sul giusto e lo sbagliato, come se fossero in possesso esclusivo del "verbo": guai a pensarla diversamente, evidentemente non capisci nulla. Fortunatamente poi esce un Piras qualunque a ricordarci di quale kultura facciano sfoggio lorsignori non appena qualcuno si permette di dire qualcosa di diverso. Ma a noi un Italia come la vorrebbero lorsignori proprio non piace, riprendiamocela al più presto!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog