Cerca

I "maitres à penser"

Sono spiacente per Feltri e per il tenore dell'intervista rilasciata alla Borromeo che ne avrà ricavato orgasmi multipli. Con o senza passaporto Berlusconi non scappa anche per non lasciare di sé un ricordo da fuggiasco e da criminale che si è sottratto alla giusta pena. Berlusconi non è finito perché milioni di elettori e molti fedeli compagni di lotta lo supportano con sempre maggiore determinazione a mano a mano che gli attacchi persecutori di cui è fatto segno da decenni diventano sempre più scoperti e d'impronta esclusivamente politica. La fredda analisi di Feltri è sbagliata e vorrebbe avere il carattere della lucidità e del realismo i salsa di una presunta e più volte ostentata indipendenza di giudizio libera dall'ossequio e da atteggiamenti servili o di soggezione. Evviva la Santanchè che non ha tali paure o riserve nel tessere gli elogi del Capo ed a rinnovare la sua fedeltà ed il suo leale appoggio ad un leader ferito ma non domo la cui storia è ancora tutta da raccontare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog