Cerca

Il decoro urbano e la legge antiPRO-prostituzione

Chi immagina che i Sindaci abbiano un potere quasi illimitato perchè eletti direttamente dai cittadini è meglio se lo tolga dalla testa. Non possono neppure eliminare lo sconcio della prostituzione stradale,appena emettono un'ordinanza per cercare di limitarla,ecco che si sveglia la Corte Costituzionale,che evidentemente,per Costituzione appunto,si sente in dovere di mettere il becco ovunque (a breve stabilirà quanti amplessi sono leciti a settimana per le coppie : due per i "coniugi" e quattro per i "conviventi"). A Montesilvano (Pe) il giudice di pace che aveva confermato,pur riducendo l'importo,la sanzione a un uomo multato perché aveva violato la disposizione del sindaco che proibiva di " fermarsi con autoveicolo in prossimità di esercente il meretricio sulla via pubblica", si è vista annullata la decisione. Il Sindaco di Sanremo, Maurizio Zoccarato,si è vista bocciare l'ordinanza anti-prostituzione dal Prefetto,sempre in osservanza alla sentenza dell'Alta Corte che ha dichiarato illegittimo il pacchetto sicurezza del 2008 nella parte in cui concedeva ai sindaci la possibilità di emettere ordinanze con " una discrezionalità praticamente senza alcun limite". Guarda caso,discrezionalità permessa e voluta quasi sempre ai colleghi Magistrati...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog