Cerca

Sex education e i suoi fallimenti

Signor Direttore, lo sapevamo. L'Inghilterra nonostante la cosiddetta "sex education" fin dalle prime classi di scuola ha portato effetti quasi nulli sulla prevenzione delle gravidanze e la salute. Il tasso di aborto rimane uno dei più alti in Europa e soprattutto fra le giovanissime, proprio quelle che insieme ai loro coetanei maschi hanno partecipato a lezioni di "addestramento" sessuale. Fra le giovani donne c'è anche un aumento di pluriaborti tanto da ipotizzare che l'aborto è considerato ed usato come "contraccettivo". Lo sapevamo, lo diciamo da sempre. Gli adolescenti ed i giovani se addestrati solamente al sesso non ne comprendono il valore, la responsabilità del gesto ed i risultati. Il risultato più inaspettato è ovviamente un bambino, ma ci sono anche altri effetti quali le malattie a trasmissione sessuale. La “Public Health England” (PHE) afferma che queste infezioni sono troppe, in particolare la clamydia che tra l'altro causa sterilità alla donna per infiammazione e chiusura delle tube Quasi mezzo milione di persone sono state diagnosticate affette da malattie sessualmente trasmissibili nel 2012, un aumento del cinque per cento rispetto al 2011, con tassi maggiori per le persone di età inferiore ai 25 anni, cioè le più soggette ai pervasivi corsi di sex education. In Italia le cose vanno meglio sul fronte delle malattie sessualmente trasmesse. I corsi di educazione sessuale non sono imposti dal Ministero ed almeno quelli che si svolgono sono chiamati corsi di "educazione affettiva e sessuale". Su questo fronte la Chiesa Cattolica si impegna da sempre per educare al valore della sessualità umana. Spesso le danno torto ma invece ha centrato l'obiettivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog