Cerca

Presidenzialismo

Gentile Direttore, In Italia ancora paghiamo le conseguenze della guerra civile durante la seconda guerra mondiale e le conseguenze della dittatura. La nostra costituzione è il frutto della paura di un ritorno ad un regime autoritario, di mille compromessi tra culture diverse, gruppi che non si fidavano gli uni degli altri accomunati prevalentemente da un comune nemico e da una paura: il possibile ritorno di un regime dittatoriale o autoritario. Questo giustifica i pesi e contrappesi, le ridondanze istituzionali, la frammentazione dei poteri ed una mancata divisione degli stessi: forse era l'unico modo per consentire ai comunisti di 'governare senza governare'! Attualmente ci troviamo un parlamento che non fa le leggi perché non è in grado: bicameralismo perfetto con 1000 parlamentari; un governo che non governa perché sotto il vincolo della fiducia parlamentare (4 altoatesini, 2 mastelliani, ecc.... un continuo mercato delle vacche per evitare le crisi!). In compenso il governo fa le leggi per poter rispondere alle urgenze con la decretazione, anche se queste leggi possono decadere se non convertite dal parlamento... Non parliamo del potere giudiziario che è inquinato dalla politica e che agisce con logiche politiche!!!! Roba da terzo o quarto mondo, altro che patria del diritto!!!! In Italia sarebbe ora di introdurre la separazione dei poteri: il Presidenzialismo è il potere esecutivo. Il parlamento potrebbe ritrovare una sua dignità con il monocameralismo, la riduzione dei parlamentari ad un massimo di 400. A ciascun parlamentare dovrebbe essere assegnato uno staff di collaboratori dipendenti del parlamento su nomina del deputato che gli consentano di lavorare in modo professionale. La legge elettorale ovviamente sarebbe maggioritaria uninominale a turno secco con primarie stabilite per legge e quindi uguali per tutti gli schieramenti politici. Per evitare i baronati, max 2 legislature consecutive, così come max 2 incarichi di nomina politica. La giustizia dovrebbe essere spoliticizzata e si dovrebbe realizzare lo sdoppiamento del csm con la separazione delle carriere. Nell'Italia possibile se qualcuno lo volesse, si potrebbe procedere ad un federalismo vero con Nord, Centro, Sud, Sicilia, Sardegna e Distretto di Roma Capitale e si potrebbe accorpare i comuni al di sotto dei 15.000 abitanti. Via Provincie e Prefetture! Si potrebbe meglio affrontare il problema di passare da uno stato da 3,5 milioni di dipendenti ad uno stato da 2 / 1,5 milioni di dipendenti. Impossibile? Meglio aggredire la nostra crisi e coglierla come occasione di rinascita piuttosto che essere condannati dagli eventi che inesorabili rischiano di travolgere il sistema! Emiliano Zasa PS: suggerirei anche un solo corpo di polizia come in Gran Bretagna, ora abbiamo Polizia + Carabinieri + Polizia Penitenziaria + Corpo forestale + Guardia di finanza + Polizia Municipale + Polizia Provinciale + Polizia ecologica regionale + Guardia costiera .... (forse ne ho dimenticata una!)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog