Cerca

Pe crescere veramente...dal Salotto di Bartolo Fontana

C’era una volta un paese abitato da mucche e cavalli, pecore, galline, immensi terreni adibiti a pascolo e un piccolo treno che “sbuffa” fuori dal tempo. C’era una volta….niente affatto: c’è ed è reale come non mai! Si chiama Utrecht nel cuore dell’Olanda. Per la seconda volta consecutiva, è in testa all’Indice di competitività dell’Unione Europea. Questa piccola area geografica ha superato per stabilità Macroeconomica, aree ben più estese come Stoccolma e, addirittura, la grande Londra. La Lombardia, con la sua Milano, è al 128° posto. È nella natura umana chiedersi perché una cosa è andata male e mai perché, e come, sia andata bene. Utrecht, riconoscibile col nome di “sistema Utrecht”, mette al centro di tutto la ricerca e la cultura, affluenti di un medesimo fiume: Progresso. Scommette sui servizi e sulla creatività, anch’essi affluenti di un medesimo fiume: Economia. Non possiede enormi industrie ma sa valorizzare, e dunque ottimizzare, le risorse e gli insegnamenti della Storia. Biciclette che calpestano i ciottoli lungo il Reno, linea di demarcazione dell’Impero Romano. Tutte le strade dei Paesi Bassi portano in questo luogo. Poco distante da due grandi aeroporti, Amsterdam e Rotterdam e al centro, infine, delle vie ferroviarie del Paese. Altri affluenti importanti di un medesimo fiume: Comunicazione. Due grandi lame incrociate fino a far immaginare il disegno, o la presenza, di un cuore, ricordano quanto sia importante l’arte di “fare la pace” Il trattato di Utrecht del 1713 sancì la fine della guerra sulla successione spagnola sancendo il laboratorio diplomatico della futura Europa. Una prestigiosa università con un alto indice d’istruzione; due affluenti importanti di un medesimo fiume anch’essi. È stato creato un tavolo di confronto permanente composto dall’amministrazione comunale, università, scuole, ospedali e associazioni. S’, è questo il vero compito delle Istituzioni. Programmi incrociati con particolare attenzione alla Sanità, ai bambini con problemi relazionali o a medici, studenti, insegnanti. Solo così si cresce veramente: guardando avanti, oltre…ogni immaginazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog