Cerca

Precisazioni su articolo di Franco Bechis del 24/08/13

In relazione all’articolo di Franco Bechis dello scorso 24 agosto dal titolo “Sconfitto sui derivati Renzi fa il bullo con l'alta finanza Il conto del flop lo paga Firenze” in cui sono citato – correttamente – come controfirmatario degli atti di transazione in qualità di responsabile di ragioneria, desidero far presente alcune inesattezze, in particolare laddove si dice che fu l’assessore Fantoni a imporre (“per fortuna dei fiorentini” cit.) l’accantonamento delle rate sospese. In realtà gli atti per accantonare le somme sono stati tutti adottati dal sottoscritto seguendo una decisione condivisa da tutta la struttura tecnica e dal collegio dei revisori dei conti (vedi atti 10/10703, 11/10672, 12/15714) e senza alcuna pressione specifica da parte dell’assessore al bilancio in carica. Peraltro al momento del primo dei 3 atti Fantoni non ricopriva ancora la delega al bilancio (era ancora in carica Falchetti), mentre nell’ultimo – a seguito delle dimissioni di Fantoni – era in carica il Prof. Petretto, che non ha mutato gli indirizzi fino ad allora seguiti in termini di accantonamento prudenziale delle somme in questione. Il visto di regolarità contabile da me apposto sugli atti di transazione è stato reso possibile dal fatto che proprio gli accantonamenti fatti garantivano la copertura finanziaria dell’accordo. Vista l’attenzione che riservate a queste delicate questioni, non vi sarà poi sfuggito che, nell’ambito della chiusura del contenzioso, due delle tre banche hanno versato una somma transattiva di 3.200.000 € (1.600.000 € per banca) al Comune di Firenze, che ha quindi tratto un beneficio dalla sottoscrizione di questi accordi (vedi atti 13/6979 e 13/6980). Ho ritenuto di segnalarvi queste precisazioni affinché, qualora vogliate tornare sull’argomento, potrete dare la notizia più corretta e completa possibile. Cordiali saluti. Michele Bazzani, Funzionario Responsabile P.O. Risorse e Investimenti – Comune di Firenze

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog