Cerca

Semu propriu màa piggièe

In Sicilia e in Calabria i "migranti" continuano ad arrivare e a sbarcare senza intoppi. Ogni tanto più d'uno di essi ci lascia la pelle,qualcuno li piange,ma le riprese televisive di queste tragedie non giungono ai nuovi migranti che,ammassati in attesa lungo le coste del Nordafrica,a breve satureranno i nostri Cie e altri luoghi di accoglienza. A Gradisca d'Isonzo gli immigrati (irregolari) protestano,qualcuno ha suggerito loro di andare a farlo sul tetto e loro si adeguano. Mentre la struttura di Isola Capo Rizzuto,nel Crotonese, deve chiudere perchè devastata durante una rivolta di immigrati. A scatenare la violenza è stata la morte di un immigrato marocchino accertata dall'autopsia a causa di pregresse condizioni fisiche del defunto. I nostri politici più loquaci,dalla Serracchiani (PD) alla Carfagna (PdL) si lambiccano il cervello per abolire la legge Bossi-Fini,chissà come. Forse,animati dalle "larghe intese",meditano di lasciare i migranti clandestini liberi di sparpagliarsi lungo la penisola anzichè,come scrive Paolo Granzotto,provare a telefonare a Varsavia,al Frontex... E il bello,cioè il brutto,è che il dossier sui Centri di Immigrazione e di espulsione è in mano alla Ministra Kyenge. Dalle mie parti si dice "Semu propriu mà piggiè" (siamo proprio mal presi)...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog