Cerca

il circo e gli animalisti

Condivido molte battaglie degli ambientalisti e pure degli animalisti: penso, ad esempio, alle tante rimostranze contro la vivisezione (pratica spesso inutile e sostituibile con altre meno violente e irrispettose dei diritti degli animali). Ciò premesso, ritengo che talune siano se non prive di fondamento, piuttosto esagerate, desiderose di imporsi all'opinione pubblica che difficilmente saprà sottrarsi dall'unanime consenso (facendo, come fanno, leva sul sentimento della condivisione del dolore dinnanzi ad esseri indifesi e vilipesi). Ieri sera, come ogni anno in questa fine di agosto, mi sono recata con la mia famiglia a presenziare alla prima del circo di Bergamo, la storica kermesse di una delle famiglie più affermate in questo genere di rappresentazione artistica; ad attendere il numeroso pubblico, all'esterno del tendone, un nutrito gruppo di animalisti (?!) munito di striscioni ad effetto, su cui campeggiavano scritte di ravvedimento al pubblico entrante e pagante, reo di farsi complice della "reclusione" forzata degli animali. Il più tenero suonava: " tu che entri" (di dantesca memoria), ricordati di quanto vai a vedere, ne sei complice!". Ecchisenefrega se, una volta dentro, il numero più applaudito (e su cui nessuno, con ogni probabilità spenderà una parola di biasimo), vedeva un uomo tenere per i capelli una donna con i pattini che ruotava su un rialzo di pochi centimetri dal terreno, con tanto di sollazzamento generale e nessun pensiero per i rischi di questa signora che, per far ridere noi deficienti, rischia personalmente la testa e la vita. Personalmente credo che gli animali vadano lasciati nei territori che sono loro propri, evitando un'espropriazione forzata a scopo di pseudo divertimento ( non basterebbero clown, giocolieri e trampolinisti allo scopo?), epperò gli ambientalisti sbagliano nel forzare la mano sopra ogni minima ipotesi di porsi al centro dell'attenzione, col forte rischio di mirare nel mucchio, perdendo di vista bersagli più importanti e degni di attenzione e memoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog