Cerca

scioglilingua filosofico...dal Salotto di Bartolo Fontana

“Ci sono cose conosciute che conosciamo. Queste sono cose che sappiamo di sapere. Ci sono cose conosciute che non conosciamo. Come dire che ci sono cose che ora sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose sconosciute che non conosciamo. Queste sono cose che non sappiamo di non sapere”. Donald Rumsfield, ex segretario della difesa repubblicano, è l’uomo che portato il mondo in due guerre, Afghanistan e Iraq. Questa specie di scioglilingua è il “Rumsfield-pensiero”, celebre dichiarazione sulle armi di distruzioni di massa di Saddam Hussein. Ora, come non mai, il mondo è a un bivio. Ora, come non mai, si sente il sapore arrugginito e meccanico del sangue. Mentre l’Italia si chiede quale sarà il destino di Berlusconi, dall’altra parte del mondo si sta decidendo se far scatenare una guerra a poche centinaia di chilometri da casa nostra. Donald Rumsfield, 81 anni, ha smesso di comandare e ora vuole passare alla Storia. "Guerrafondaio" di professione sa quanto sia difficile e pericoloso questo momento, tanto da sconsigliare il presidente Obama a intraprendere qualsiasi iniziativa bellica. Erano gli ultimi anni del 1700 quando John Adams, secondo presidente degli Stati Uniti ma primo ad abitare la Casa Bianca, pronunciò la seguente fase: “L’America non deve andare all’estero in cerca di mostri da distruggere”. Esperienza e Storia hanno qualcosa in comune?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog