Cerca

Casamicciola-Italia-disabilità

Lo scopo della mia segnalazione era aprire una riflessione, un confonto su come viene considerata la disabilità nella nostra comunità: a che punto siamo, abbiamo di fronte un “disabile” o una “persona” con un suo valore, una sua modalità di esprimersi, di essere? Il cartello esposto rappresenta le paure e le resistenze degli adulti, di tanti adulti che la direzione ha improvvidamente rappresentato ed è proprio su queste che vale la pena soffermarsi. Tutto questo clamore è vano se si trasforma in un tiro al bersaglio contro l’asilo delle suore di Casamicciola ed è anche un tantino ingiusto perché di fatto quella realtà rappresenta, con tutti i limiti culturali che si sono evidenziati, un punto di accoglienza e carità che supplisce a tanti vuoti. Come presidente dell’associazione Un Ponte nel Vento sono aperta al confronto augurandomi che questo rappresenti un seme su cui attivarci in modo costruttivo. Luisafrancesca Proto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog