Cerca

se la logica non e' un'opinione

Gent.mo Direttore: Dopo venti anni di parabola berlusconiana,costellata di accuse,processi ed avvenimenti ad essi legati,ho affidato il mio giudizio su Berlusconi,libero da legami di parte.di ideologia o quantaltro all'ascolto nudo e crudo delle dichiarazioni di alcuni esponenti politici e non che dal passato,ai nostri giorni,hanno calcato il palcoscenico,della politica e delle vicende italiane e cioe' Togliatti,Cossiga,Pannella,Toni Negri e Borrelli. Il Primo,allora ministro degli interi nel 1948,rivolgendosi ai suoi compagni disse loro che bisognava curare la magistratura,perche' avrebbe permesso a loro di andare al potere. Sia Cossiga che Pannella dichiararono in seguito che alla liberazione,il Pci pose le sue mani sulla magistratura e l'universita'.Toni Negri disse che la manovra su Berlusconi era di stampo politica a guisa di cio' che era stato operato nei confronti di Crasxi,parole confermate da Borrelli e dulcis in fundo a suo tempo,Pannella ammoni' Berlusconi a scendere in politica,dicendo testualmente che i suoi avversari,avrebbero fatto di tutto per eliminarlo anche fisicamente se necessario.Ora pur sapendo che vergini in politica non ce ne sono,la mia logica mi fa tirare le somme e non posso che constatare che due piu' due fanno sempre quattro,pur lasciando ad ognuno il diritto e la facolta' di tirare le proprie conclusioni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400