Cerca

Questa disinformazione senza freni nei nostri confronti adesso deve finire

Bruxelles il,12/09/2013 Uccidere un uomo è cosa da poco, influenzare un'opinione produce effetti più duraturi e devastanti.Uno dei grandi progressi di questo secolo è stato senza dubbio il graduale passaggio dalla guerra convenzionale alla guerra con i media, cioè alla disinformazione,e quello che succede da molti anni per l'Italia, nella stampa internazionale. Questa disinformazione senza freni nei nostri confronti adesso deve finire.L'Italia è davvero stanca. Stanca di quanto sta succedendo da anni in Europa, dei pregiudizi e del terrorismo intellettuale che da anni i governi, i partiti politici, gli organi di stampa del vecchio continente, mettono in atto contro Il nostro paese Vittima anche dell'incapacità/volontà della stessa stampa italiana di reagire, di fare qualcosa di concreto per la sua terra. I politici hanno molte responsabilita',ma i giornalisti, i giornalisti italiani ancora di piu'....(Lo dico da Giornalista) Bisogna chiedersi, per quale ragione gli organi di informazione internazionali continuano ad avere questi pregiudizi nei confronti dell'Italia. Il discorso non è nuovo: L'Italia, sta cercando con mille sacrifici di scrollarsi di dosso l'immagine simbolo della corruzione politica e della criminalità. Ma se i gli taliani comuni possono fare poco per ribellarsi alla dis/informazione, tanto possono fare i giornalisti italiani, tanto possono fare i media,naturalmente parliamo di quei media di buona volonta............... La strada da percorrere da parte degli organi di stampa è importante, i giornali, i media, giocano un ruolo chiave. Influenzano l'opinione pubblica, creano polemica, invitano le persone a riflettere. Se il modo di giudicare l'Italia da parte dei media internazionali è solo negativo, come farà un semplice cittadino europeo che non conosce la realtà e la storia politice e l'Italia a costruirsi dentro la sua mente una idea diversa? E' arrivato il momento cari amici di darci da fare. Di cambiare l'immagine dell'Italia e di raccontarlo per quello che davvero è. E di fermare questa caccia alle streghe, questi pregiudizi,I media, gli ntelettuali,le organizzazioni della societa’ civile dobbiamo stare uniti nella difesa del Nostra terra,nella difesa della nostra Italia. Salvatore albelice

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog