Cerca

Mi faccio l’impianto fotovoltaico perché sono ecologista e di sinistra !!

Volendo mettere i pannelli solari mi sono informato. Perché costano così tanto? Ma che sono fatti d’oro? Il costo dei pannelli fotovoltaici dipende dal fatto che per fare i cristalli di silicio devi usare tanta energia quanta ne produrranno nei loro primi 10 anni di funzionamento. Considerando che la maggior parte dei pannelli fotovoltaici sono prodotti in Asia e specialmente in Cina (Spesso anche in quelli con marchi europei l’origine dei cristalli di silicio e asiatica) questa enorme quantità di energia che serve per produrli proviene da centrali altamente inquinanti a carbone, a petrolio o nucleari. Stiamo quindi solo spostando l’inquinamento dall’Europa a paesi del terzo mondo che se ne fregano. India e Cina hanno firmato il protocollo di Kioto ma con la condizione che questo non si applichi a loro. Tutto questo si può capire, il nostro interesse è avere un ambiente più pulito il loro e fare soldi. A breve termine con i pannelli peggiorerò l’inquinamento globale del mondo perché quando il pannello comincerà a produrre energia sul tetto di casa mia nell’aria delle città asiatiche ci saranno già molte più schifezze di quelle che sarebbero state emesse a causa dei miei consumi da una efficiente centrale europea nel corso dei prossimi 10 anni se io non avessi installato i pannelli fotovoltaici. Sul lungo termine ( 20/25 anni ) però un beneficio a livello di inquinamento globale ci sarà! Che mi frega se a Pechino oggi già quasi si muore per l’inquinamento, i Cinesi sono un miliardo e mezzo ed io vivo a Roma, Sai che ti dico sono un ecologista e metto i pannelli. E poi vuoi mettere ci sono gli sgravi fiscali del 50%, lo stato ti regala la meta dell’impianto. Non stiamo parlando del 20% che sarebbe come dire “è un opera utile alla comunità non ti faccio pagare l’iva” stiamo parlando del 50%, mi mettono i soldi in tasca per farmi l’impianto fotovoltaico. Certo in qualche modo tutte queste tasse a cui rinuncia lo stato le dovrà recuperare, tutti questi soldi che regala qualcuno li dovrà pagare, forze ci alzeranno l’iva o l’accise ma questa é una ragione in più, intanto io mi piglio la mia parte e poi tutti pagheremo. Infine risparmio sulla bolletta. mi pagano i Kw che gli vendo più di quelli che compro da loro, é un affare. Certo tutti pagheremo di più l’elettricità ma intanto sul mio conto corrente cominceranno ad arrivare polposi bonifici dall’autorità per l’energia. Sai che ti dico, ho i soldi, ho la villa, e l’impianto fotovoltaico me lo faccio “alla faccia dei poveri pensionati e degli operai delle case popolari che non lo potranno mai istallare e pagheranno di più la corrente elettrica”. Il pezzo, vuole mostrare, tramite il paradosso, I’irrazionalità e le contraddizioni di certe persone di sinistra che quando si parla fotovoltaico si “illuminano”. il fotovoltaico ha un fascino enorme sulle persone di sinistra per loro rappresenta “l’energia ‘’anarchica”, autogestita dal popolo” mentre tutte le altre forme richiamano ”l’energia degli sfruttatori capitalisti che alimenta le grosse fabbriche degli sfruttatori capitalisti” Non sono contrario al fotovoltaico, che ha un futuro brillante anche se non é la risposta ai problemi energetici e ambientali del mondo. Non sono contrario neanche agli incentivi quando non falsificano il sistema e creano ingiustizia. Un incentivo fiscale del 20% o 25% significa detassare l’investimento e incentivare lo sviluppo di una fonte di energia alternativa. Se pero riempiamo l’Italia d’impianti fotovoltaici convenienti solo perché ”assistiti” stiamo facendo un danno economico all’Italia e un danno ambientale e al mondo togliendo posto a impianti molto più efficienti ed ecologici che potrebbero essere istallati tra 2, 5 o 10 anni quando il progresso tecnico li renderà più ecologici e veramente convenienti per tutti gli italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog