Cerca

a volte ritornano

Se ci pensiamo bene Berlusconi ha sempre vinto le elezioni comprandosi qualcuno. Una volta con la promessa di alzare le pensioni minime che con l'euro fortemente voluto anche da lui sono ritornate ad essere quelle di prima, l'altra "togliendo" l'IMU ma avvallando di fatto l'introduzione di una nuova tassa, l'altra ancora pagando dei parlamentari affinche' passassero dalla sua. Per carità, la politica è la scienza di governare un Paese ed anche questi sono sistemi utili. Pero' io avrei preferito che vincesse non per aver acquistato i voti degli elettori ma per le idee innovatrici messe in pratica durante il periodo in cui ha governato. A parte questi importanti operazioni politiche di convincimento non mi risulta che la vita dei cittadini italiani sia cambiata molto durante questi venti anni. Solo per gli amici degli amici. Rispetto all'europa siamo rimasti al palo. Sara' per colpa sua? Sara' per colpa dei comunisti? Dei giudici? Mah! Fatto sta che il debito pubblico è aumentato in maniera esponenziale raggiungendo cifre non piu' restituibili e l'indebitamento dovuto agli interessi ha impedito di fare investimenti a favore dell'occupazione e delle infrastrutture oltre a quelli per la scuola e la ricerca.Sono queste in definitiva le poche cose che dovrebbe fare un governante. Adesso alla vigilia del colpo di grazia che riceverà ci promette, tapino, la ricostituzione di Forza Italia, come se questo fosse cio' di cui ha bisogno il popolo italiano. Non capisco come non abbia pensato che parallelamente si divideranno i voti del Pdl. Quindi a che pro? Caro Silvio, tu hai dedicato venti anni della tua vita alla tua utopia e ai tuoi giochini, noi invece li abbiamo persi. Dico noi cioe' coloro che ti votarono. Ora ti ripresenti sotto le spoglie della vittima nella speranza di ottenere consensi. Da chi? forse qualche signora attempata benestante ti darà ancora fiducia, ma chi aspettava da te che risistemassi l'Italia e da buon imprenditore ridistribuissi le ricchezze italiane, proprio no. Prova a dare i numeri dei sondaggi in cifre e non in percentuali! A me pare solo un tenero patetico nostalgico desiderio di ritornare indietro nel tempo. Siamo piu' poveri di prima, ci è rimasta la dignità e non siamo stupidi. Per questo non ti rivoteremo, qualsiasi nome potrai inventarti per nuovi partiti condotti da vecchi volti o da giovani promesse. Preferiamo il salto nel buio e vivere il resto della vita in maniera interessante, come direbbe il filosofo cinese, piuttosto che annullarci nella miseria e, la domenica, andare a vedere i ricchi che mangiano nei bei "ristoranti sempre pieni dove la crisi non c'è" come dicesti in piena recessione. Non posso dimenticare quando due anni fa dicesti che la crisi era passata e che chi doveva fallire era fallito mentre invece inizio' la lunga sequenza di suicidi, di grandi fallimenti, di operai sui tetti e di frigoriferi vuoti. Scusa ma non ti dò piu' la mia fiducia. Se tu amassi veramente il tuo paese non lo terresti in scacco e non riconfermeresti la fiducia ad un governo che non è stato desiderato democraticamente. Lascia che la Storia faccia il suo corso. Ci hai provato. Non ci sei riuscito. Fattene una ragione come molti di noi. GFP

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog