Cerca

Giustizia democratica? Mhmm, diciamo partigiana?

Egr. Direttore Belpietro, ci troviamo di fronte ad una contraddizione nei termini. Che significa magistratura democratica? Questa è una distinzione che non può esistere. E poi che significa corrente? Significa forse che quando accediamo ai palazzi di giustizia dobbiamo proteggerci le spalle spalle? E i poveri cittadini che debbono fare? Guardarsi da chi dovrebbe difenderli? E se incappano in un affiliato a questa corrente democratica con questi giudici, diciamo speciali (peraltro vietati dalla Costituzione), in cosa si differenziano dai loro colleghi? E se questa minoranza è speciale la stragrande maggioranza dei giudici come vogliamo qualificarla? Di seconda classe! E una giustizia così ridotta come la definiamo? Se è giusto che una magistratura sia libera, autonoma e indipendente per l'espletamento delle proprie funzioni come avviene in tutto il mondo libero, allora non è assolutamente accettabile che dei magistrati si organizzino in una corrente politica e agiscono in favore di quella, colpendo quei cittadini che politicamente sono collocati in posizione antagonista rispetto alla loro? Allora via la bilancia dalle aule dei tribunali dove questi magistrati esercitano. Dal momento in cui si schierano non possono più garantire l'imparzialità, allora diamo anche al cittadino il diritto di schierarsi e ricusare un giudice politicamente avverso. Vogliamo poi dare al magistrato un badge o un distintivo che indichi la militanza politica, visto che è una realtà, in modo che il cittadino possa, individuandolo, sceglierlo o rifiutarlo. Qui non siamo più nel campo della giustizia equidistante e imparziale, bensì nel campo di una giustizia partigiana e il cittadino diventa vittima ha il diritto di essere informato. E' giunto il momento che la parte di magistratura senza tare politiche, operosa, silenziosa e lontana dai riflettori, che è rappresentata dalla maggioranza dei magistrati si scrolli di dosso questa macchia, reagisca, sollevi la testa a tutela della immagine dell'intero ordine e nell'interesse del Paese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog