Cerca

i giochi son fatti, niente va più

Dopo le dichiarazioni del ministro Saccomanni, con il placet del "primo" ministro in carica p.t., il cav. Berlusconi Silvio non può che agire, a mio avviso, come segue: - chieda (ordini è troppo fascista...) ai ministri del Pdl-Fi, di centro destra insomma, t.q., di dimettersi in blocco dalla carica; - conseguentemente chieda (come innanzi) a tutti i parlamentari eletti e ancora dichiarati di centro destra di non votare o sostenere più alcun governo di larghe intese o di emergenza o, semplicemente, di vari inciuci. Solo così conserverà l'unico reale status di cui il potere giudiziario dello Stato italiano non è riuscita a privarlo: quella di leader di centro destra, unico vero leader di centro destra. L'Italia, poi, dimostri di potere essere degnamente e con capacità governata da un ceto ristretto che si definisce di centro sinistra, ma è se non proprio di sinistra sinistra quanto meno di sinistra centro. Non ci riuscirà, a mio avviso, né con una Altezza Accademica indiscussa della comunità scientifica, né con un suo figlio unico statista, t.s. o t.q., né con un proletario radical chic intellettual inclusivo, a prescindere se eterosessuale o omosessuale. Per par condicio, ovviamente e, per come la penso io, a maggior ragione dicasi lo stesso se sia l'A.A., sia il figlio unico statista e sia il proletario siano del sesso cosiddetto gentile. Magari l'ironia del capogruppo on. Rebato Brunetta, che augura la durata e la tenuta del governo Letta in carica sino alla scadenza del 2018, non riuscirà ad avverarsi: Non per altro, bensì perché, a mio avviso molto verosimilmente, l'Italia e tutti i suoi figli naturali saran morti anzi tempo. Bye sud. Bye nord. Il centro esiste? Un cordiale saluto. Luigi Antonio De Lellis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog