Cerca

La verità sul Professore ''omofobo''.

Caro Direttore, Mi permetto segnalarle l'incresciosa situazione che si è venuta a creare, ingiustamente, a danno dal Prof. Liucci, docente di religione presso l'Istituto Liceo Classico A. Mariotti di Perugia. Il Prof. ha sottoposto ai suoi allievi un questionario in cui fra diverse ipotesi di comportamenti negativi era ricompresa l'omosessualità. Il chiaro intento del Prof. era quello di riuscire a far capire ai propri allievi l'enormità fi tale valutazione, finalità ben compresa, condivisa, dagli studenti medesimi. Al contrario un'associazione che a parole intenderebbe tutelare i diritti degli omosessuali ha coscientemente travisato i detti scopi e montato una polemica sterile ed inutile. Mi permetto allegare il questionario ed una comunicazione degli studenti che mi pare esplicativa della effettiva situazione. Personalmente ho espresso sul web la mia opinione che conferma la stima ed il rispetto per l'operato del Prof. Liucci. Ringraziandola per l'attenzione porgo deferenti ossequi. A nome del liceo classico A. Mariotti. Di recente sul web si è scatenato un putiferio mediatico dovuto ad una foto, pubblicata su un social network, che mostrava un questionario sottoposto alla nostra classe durante l'ora di religione. A fare scandalo è stata proprio la consegna del questionario, che recitava: "Attribuisci un voto da 0 a 10 in ordine di gravità sulle principali colpe di cui ci si può macchiare" e che citava in elenco, fra "omicidio" ed "infedeltà coniugale" anche le discutibili voci "omosessualità" e "metodi contraccettivi". Da qui, Omphalos Perugia ha deciso di diffondere, nel mondo virtuale e non, l'idea che nella nostra scuola si utilizzino metodi educativi impregnati di omofobia, antiquati e discriminatori. Il fatto in sé sembrerebbe più che legittimo, se non che a nessuno è venuto in mente di verificare cose fosse effettivamente successo in classe: il questionario è sì stato distribuito, ma con tutt'altro scopo. Pur essendo noi d'accordo riguardo l'incredibilità di una consegna del genere, del tutto inapplicabile e straripante di pregiudizi, vorremmo fare presente i reali obbiettivi del questionario. Quest'ultimo viene distribuito in Terza liceo (e cioè all'ultimo anno di superiori) proprio perché ci si aspetta un approccio maturo e distaccato anche riguardo alla forma (sbagliata) in cui viene espresso. Il professore di religione ha infatti subito specificato che il compito non era che l'estratto di un'indagine sociologica di anni ed anni or sono. Ci ha tenuto a precisare come la voce "omosessualità" non fosse giustificabile. Ma soprattutto, non richiedeva nient'altro che un confronto diretto su temi come l'aborto o il suicidio, anch'essi presenti nella lista. L'esercizio era infatti mirato a provare, in una classe in cui giustamente convivono le opinioni più disparate, che pur vivendo secondo un pensiero relativista vi sono e saranno sempre dei livelli che nessuno di noi saprebbe valicare.. per fare un esempio, si è riscontrato che l'intera classe ha considerato l'infanticidio una colpa gravissima, a prescindere dalle inclinazioni culturali di ciascuno. Non era dunque che una semplice discussione sul concetto di "bene" e "male", non secondo la morale cristiana, ma l'etica personale. Il fatto è che, probabilmente con troppa leggerezza, una copia della fatidica lista è stata resa pubblica su facebook, ed ha catturato l'attenzione di numerosi bloggers, giornalisti e gestori di pagine web contro l'omofobia. Quello che ci lascia basiti non è tanto la risonanza della foto pubblicata, che estrapolata dal suo contesto farebbe infervorare chiunque, ma le invenzioni dei giornalisti a scopo di creare polemica. Sono infatti continue le supposizioni e le illazioni quasi diffamanti rivolte alla nostra scuola, dove, senza ombra di dubbio, non siamo formati a questo tipo di schietto e povero giudizio su temi tanto importanti. Al Liceo classico Mariotti non si insegna l'omofobia. Ci dispiace che associazioni che dovrebbero svolgere un lavoro costruttivo per la comunità, come Omphalos Perugia, ritengano che sia necessario questo genere di esagerazione e continua rincorsa allo scandalismo per operare in favore dei diritti per gli omosessuali. Ci piacerebbe far sapere loro che nel piccolo ambiente in cui viviamo, sta diventando difficile trovare chi si ostina a perpetuare una mentalità omofoba. Siamo in un liceo classico. L'amore fra Patroclo e Achille è programma di quarto ginnasio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog