Cerca

Il tempo perso

Caro Direttore: Avevo un pendolo nella mia collezione di orologi che si scaricava molto velocemente, io lo chiamavo il pendolo del tempo perso perché era più il tempo che perdevo a caricarlo che tutto il resto. Oggi gli autorevoli membri del nostro parlamento mi rammentano la sua inutilità. Mi vado convincendo che ascoltare le loro parole in libertà sia solo tempo perso. Il tempo ce lo stanno rubando, perdendo tempo loro lo fanno perdere anche a noi e il tempo non ritorna, non ritorna più! A volte ce la impongono questa perdita di tempo, spesso ci ingannano o ci illudono, spudorati, fino ad oggi hanno buttato l'orologio nella spazzatura contando sul fatto che tutti abbocchino all'illusione che da decenni vanno seminando. Noi non abbiamo più tempo di ascoltare dissertazioni sul sesso degli angeli, stiamo invecchiando avvolti dal flusso di promesse che fagocitano il nostro presente e ipotecano il nostro futuro. Province, privilegi, auto blu, evasione fiscale, corruzione, malagiustizia, malasanità, mafia, sistema elettorale, tasse e tasse e ancora maledette tasse, i problemi restano irrisolti, immobili, come sassi, come sassi inerti e inamovibili. Intanto passa inesorabile il tempo ma la regola del pendolo del tempo perso immancabilmente viene utilizzata, la chiavetta di carica gira ancora, nonostante tutto, nonostante i debiti che aumentano ogni giorno; loro che hanno imparato il giochetto, loro che sono professionisti dell'incoscienza, loro che pensano di essere immuni da qualsiasi calamità la fanno di nuovo girare, girare, girare...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog